Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 19 maggio 2024  | aggiornato alle 01:00 | 105271 articoli pubblicati

Roero
Salomon FoodWorld
Salomon FoodWorld

Gorizia e Nova Gorica unite dal vino, simbolo di pace tra i popoli

Gorizia e Nova Gorica, che saranno la prima Capitale Europea della Cultura Transfrontaliera, diventeranno l'epicentro enogastronomico d’Europa: i vini dei due versanti del Collio racconteranno la millenaria storia di queste terre

di Giuseppe Casagrande
 
11 maggio 2024 | 08:30

Gorizia e Nova Gorica unite dal vino, simbolo di pace tra i popoli

Gorizia e Nova Gorica, che saranno la prima Capitale Europea della Cultura Transfrontaliera, diventeranno l'epicentro enogastronomico d’Europa: i vini dei due versanti del Collio racconteranno la millenaria storia di queste terre

di Giuseppe Casagrande
11 maggio 2024 | 08:30
 

Benvenuti nel Collio goriziano. E benvenuti nel Collio sloveno (Brda). Abbiamo citato più volte nei nostri servizi giornalistici questa terra di confine tra l'Italia e la Slovenia conosciuta dai wine lover come uno dei territori a più alta vocazione vitivinicola del Vecchio Continente. Un confine che ha tagliato a metà monti, fiumi, case, cortili e quei bellissimi vigneti che costituiscono un unicum nel panorama europeo. Vigneti diventati famosi per la famosa "ponca", stratificazioni di marne e arenarie che stimolano la crescita della vite in profondità. 

 Gorizia e Nova Gorica unite dal vino, simbolo di pace tra i popoli

Il Collio, terra di confine tra Italia e Slovenia

Collio, una terra che racconta millenni di storia, crocevia di culture diverse

Qui si è vissuta una pagina tragica della storia d’Europa, i due conflitti mondiali, la cortina di ferro e poi la guerra fredda. Oggi quella frontiera, con i "graniciari" (le guardie di confine della ex Jugosavia) pronti a sparare, non divide più due Nazioni: l'Italia e la Slovenia. La barriera è superata grazie anche alla viticoltura che ha accomunato le popolazioni che hanno vissuto in questa terra "crocevia" di culture diverse, oggi simbolo di pace.  Due città, Gorizia e Nova Gorica, nel 2025 saranno la prima "Capitale Europea della Cultura Transfrontaliera", accomunate da un’esperienza unica, un esempio virtuoso per l’Europa poichè, per la prima volta, un encomiabile metodo di lavoro sul territorio transfrontaliero ha superato le dinamiche nazionalistiche sul piano progettuale, amministrativo ed operativo. Un evento storico.

Gorizia e Nova Gorica saranno l'epicentro enogastronomico d'Europa

Gorizia e Nova Gorica, le città divise da un muro e dal filo spinato per oltre mezzo secolo, saranno l'epicentro enogastronomico d’Europa assieme all’intera area del Nord-Est d’Italia. Numerosi sono i progetti e le iniziative del comitato "Go! 2025" coordinato dal Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale che ha il compito di costruire una città unica dove i confini sono ormai superati. Due città che si preparano a vivere l’esperienza di una realtà cosmopolita dove accogliere un vasto pubblico, segno tangibile e concreto della nuova visione e di un modus operandi transnazionale che guarda al cibo e al vino come "ponte" di cultura, amicizia e socializzazione.

Saranno i vini dei due versanti del Collio goriziano e sloveno, infatti, a raccontare la millenaria storia di queste terre attraverso sapori e profumi unici come le genti che hanno attraversato il filo spinato del confine per far vincere il dialogo e costruire insieme un futuro migliore.

"Gusti di Frontiera" e il Festival della Malvasia per celebrare il Collio

Numerosi gli eventi e le manifestazioni in programma, eventi che culmineranno con la prima edizione #borderless di "Gusti di Frontiera", una spettacolare kermesse triveneta dei sapori, che festeggerà 20 anni senza confini nel settembre 2025, a cavallo tra Italia e Slovenia, dopo un’edizione-ponte, dal 26 al 29 settembre 2024 a Gorizia. Evento che si preannuncia fin d'ora planetario grazie alla presenza di oltre 50 Paesi dei Cinque Continenti.  Nel Carso transfrontaliero il progetto "Borderless Okus", proporrà, invece, esperienze gastronomiche ed eventi che incrociano l’arte contemporanea e i fumetti per promuovere la diversità culturale e sostenere lo sviluppo sostenibile attraverso il turismo sostenibile. 

Gorizia e Nova Gorica unite dal vino, simbolo di pace tra i popoli

Botti della Cantina Marjan Simcic a Dobrovo (Slovenia)

Tra gli eventi più attesi va segnalato anche il Festival "Malvasia in porto", per valorizzare le aree geografiche legate al vino Malvasia con incontri e degustazioni. Il primo appuntamento è previsto a Venezia nell’ottobre-novembre 2024, a Muggia, nell’estremo Nord-Est italiano, nel luglio-agosto 2025, e a Lubiana, in Slovenia, nell’autunno 2025. Vino dalla storia affascinante la Malvasia, il cui nome ricorda un’antica cittadina greca del Peloponneso, Monemvasia, uno dei porti più importanti per il commercio del vino "Cretico" proveniente da Candia (Creta), Rodi e dalle isole greche. Questa rotta commerciale era utilizzata già dall’XI secolo dai mercanti veneziani che introdussero questi vini in Italia. Per secoli a Venezia con il termine "Malvasie" erano indicate le osterie, le botteghe, i bacari e i locali di mescita dove con i tradizionali "cicheti" venivano serviti i vini delle isole greche.

Il Castello di Spessa (Gorizia) e il monastero di Kostanjevica (Nova Gorica) 

Tra i partners transfrontalieri vanno ricordati il Monastero francescano di Kostanjevica (Nova Gorica) e il Castello di Spessa (Collio goriziano) che saranno protagonisti del progetto "Grandi Vini di Amicizia e Pace", un’offerta turistica innovativa collegata al patrimonio culturale dei migliori vigneti classificati come Grand Cru già nel Settecento dall’Imperatrice Maria Teresa d’Austria nella regione vinicola transfrontaliera che comprende il Collio, la Brda e la Valle del Vipava, territorio concepito come un unicum per le peculiarità vitivinicole. Nell’autunno 2024 al Monastero di Kosytanjevica (Castagnevizza) si terrà come ogni anno l’asta benefica di botti selezionate e donate dalle cantine transfrontaliere italiane e slovene. Il ricavato sarà devoluto al convento dove è sepolto anche Carlo X, ultimo re di Francia, che qui fu esiliato con altri membri della famiglia Borbone dopo la rivoluzione del 1830.

Gorizia e Nova Gorica unite dal vino, simbolo di pace tra i popoli

Il monastero di Kostanjevica a Nova Gorica

Tra gli altri eventi non va dimenticato lo storico concorso "Spirito di Vino" promosso dal Movimento Turismo del Vino Friuli Venezia Giulia e unico nel suo genero dedicato alla satira di attualità ispirata dal mondo del vino. Il concorso si appresta a compiere un quarto di secolo, con un grande evento nel Palazzo Lantieri nella Valle del Vipacco in Slovenia e in Piazza Lantieri a Gorizia con il Festival della Satira in programma nel febbraio 2025. Nell’attesa è previsto anche il primo itinerario della satira transfrontaliera tra Gorizia e la Valle del Vipava con le cantine nel ruolo di protagoniste. 

Il Collio celebra i due poeti Prešeren e Ungaretti

«Il vino e la viticoltura sono parte della cultura transfrontaliera di questo territorio e rappresentano il percorso comune delle nostre genti da sempre», ha ricordato l’assessore all’Agricoltura della Regione Friuli Venezia Giulia Stefano Zannier. A sua volta l’ambasciatore della Repubblica di Slovenia in Italia, Matiaz Longar, affiancato dal segretario di Stato e viceministro dell’Agricoltura del Governo sloveno Eva Knez, ha aggiunto che Go!2025 è un progetto che supera i confini di una regione storicamente divisa. «Un progetto - ha aggiunto - nel quale la cultura slovena e quella italiana diventano ponte tra due popoli. Una connessione favorita anche dalle affinità legate al vino e alla gastronomia tipici di aree geograficamente contermini».

Questa unione sarà sancita l’8 febbraio 2025, data simbolica nella quale la Slovenia festeggia il suo poeta nazionale France Prešeren e l’Italia ricorda la nascita del poeta Giuseppe Ungaretti. Una data importante, più che mai attuale nello scenario di conflitti internazionali alle porte del Vecchio Continente e nel vicino Medioriente. Uno scambio tra culture, popoli e tradizioni che da sempre convivono in Europa con la speranza che l'amicizia possa prevalere sull'odio.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Vini Alto Adige
Siggi
Cosi Com'è
Molino Pavoni

Vini Alto Adige
Siggi
Cosi Com'è

Molino Pavoni
Elle & Vire
Bergader