Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 29 febbraio 2024  | aggiornato alle 10:33 | 103496 articoli pubblicati

a soave

Gli auguri di Amorim nella magica atmosfera di Rocca Sveva

Nell'antico borgo all'ombra del maestoso castello scaligero che Cadis 1898 ha trasformato in un'emozionante esperienza, Carlos Veloso dos Santos si è confermato superstar con il suo Bacalhau à portuguesa

di Giuseppe Casagrande
 
29 novembre 2023 | 17:10

Gli auguri di Amorim nella magica atmosfera di Rocca Sveva

Nell'antico borgo all'ombra del maestoso castello scaligero che Cadis 1898 ha trasformato in un'emozionante esperienza, Carlos Veloso dos Santos si è confermato superstar con il suo Bacalhau à portuguesa

di Giuseppe Casagrande
29 novembre 2023 | 17:10
 

C'è voluto il tradizionale incontro natalizio di Amorim Cork Italia, il colosso portoghese dei tappi di sughero, per far conoscere alla stampa nazionale e internazionale Rocca Sveva, il borgo medievale all'ombra del maestoso castello di Soave che è diventato il fiore all'occhiello e centro d'eccellenza vitivinicola del Veronese.

Gli auguri di Amorim nella magica atmosfera di Rocca Sveva

La sala cerimonie della Locanda del Borgo, raffinata location della Cantina di Soave

Rocca Sveva: le suggestive cantine sotterranee tra botti, barriques e pupitres

Rocca Sveva con le sue suggestive cantine, l'antica villa Giavarina, il parco botanico, il vigneto sperimentale, il wine shop, la locanda del Borgo è un vero e proprio inno alla cultura del vino. Rocca Sveva non è solo un borgo ricco di storia, tradizione e sapere antico, è anche magia ed emozione.

Gli auguri di Amorim nella magica atmosfera di Rocca Sveva

La suggestica cantina Rocca Sveva con le barriques per l'affinamento

Un'esperienza da vivere attraversando le gallerie sotterranee scavate proprio all'interno della collina su cui sorge il Castello di Soave, tra enormi botti di rovere, lunghe file di barriques e le suggestive pupitres dove riposano per lunghi anni i vini e gli spumanti di Rocca Sveva.

Borgo Rocca Sveva, un'esperienza da vivere che regala emozioni

Il merito di aver trasformato Rocca Sveva in un'esperienza emozionante (numerosissimi nel corso dell'anno sono gli eventi, le visite guidate e le attività che animano il Borgo) è dello storico direttore della Cantina di Soave Bruno Trentini (trentino doc purosangue, da poco in pensione) e del nuovo general manager, l'enologo altoatesino Wolfgang Raifer che all'inizio del 2023 ha lanciato il logo Cadis 1898. Con questo marchio ombrello si identificano, infatti, le principali realtà territoriali del mondo cooperativo veronese: la Cantina di Soave per il Soave, la Cantina di Illasi per la Valpolicella, la Cantina di Montecchia di Crosara per il Durello, le Terre al Lago per le Doc Custoza, Bardolino, Chiaretto, Garda e naturalmente Borgo Rocca Sveva, che quest'anno ha festeggiato i 20 anni di vita. Un marchio famoso per i suoi vini tutti rigorosamente vegani: dai bianchi ai grandi rossi, ai vini da dessert.

Rocca Sveva, il ruolo del nuovo direttore: l'enologo altoatesino Wolfgang Raifer

La responsabilità del "new deal" della Cantina di Soave - come dicevamo - oggi è sulle spalle dell'enologo altoatesino Wolfgang Raifer. Arrivato a Soave nel 2017 in qualità di vicedirettore, Raifer ha assunto il ruolo di direttore gnerale dal gennaio del 2020 dopo il pensionamento di Bruno Trentini. L'anno prossimo inizierà il suo quarto mandato. Fin dal suo arrivo ha già posto in essere diverse modifiche, dal rebranding del mitico spumante Equipe5 a quello di Maximilian fino al lancio di Cadis 1898, il marchio che accomuna le principali realtà vitivinicole del territorio veronese e che trovano ampio spazio anche in etichetta.

Amorim e quel percorso virtuoso (e certificato) di sostenibilità ambientale

Parlavo in apertura dell'evento natalizio di Amorim con la stampa nazionale e internazionale. Nel corso dell'incontro conviviale l'amministratore delegato di Amorim Cork Italia Carlos Velo dos Santos ha reso noto che da tempo Amorim ha intrapreso un percorso di sostenibilità ambientale che non ha eguali.

Gli auguri di Amorim nella magica atmosfera di Rocca Sveva

L'amministratore delegato di Amorim Cork Italia Carlos Veloso dos Santos

«Se mantenere sempre alta l'avanguardia tecnologica a tutela dei vini che protegge è la base della nostra attività aziendale - ha detto - farlo in un'ottica di rispetto per la Natura da cui tutta la sua filiera trae origine è la più armonica scelta di vita. Ecco perchè l'intera filiera, fin dalla coltivazione delle querce, può certificare tutti i suoi tappi in sughero "Forest Stewardship Council", un sistema di certificazione forestale riconosciuto a livello internazionale. Rafforzeremo questo percorso - ha aggiunto - nei prossimi anni, con la messa a dimora già programmata nell'Alentejo di un milione e 500 mila nuove querce da sughero».

A tavola con Amorim: dalla Sicilia ad Amatrice, dal Portogallo alla Marca Trevigiana

E veniamo al pranzo, meglio alla cena a otto mani di Amorim. Grandi piatti per altrettanti grandi vini. Come antipasto una fantastica crostata di cipolle siciliane di Giarratana presidio Slow Food del Belvedere, piatto proposto da Davide Di Corato e accompagnato dalle briose bollicine Collineri Lessini Durello Riserva. Come primo piatto è stato servito un classico della tradizione laziale: le mezze maniche all'amatriciana di Giusy Pascucci e Maro Pieri abbinate al Castelcerino Soave classico Docg 2022 di Rocca Sveva. Una autentica ghiottoneria salutata da scroscianti applausi e da molti bis, in particolare da un folto gruppo di giornalisti gaudenti e impenitenti.

Da standing ovation il Bacalhau con i ceci di Carlos Veloso dos Santos

Come secondo piatto non poteva mancare il Bacalhau com grão (ceci), omaggio al Portogallo, preparato personalmente da Carlos Velos dos Santos. Un piatto da standing ovation accompagnato dal Chiaropuro Bianco Veronese 2022 di Rocca Sveva, un blend intrigante di Incrocio Manzoni, Müller Thurgau, Garganega e Moscato. Non sono mancati i bis anche in questo caso. Dulcis in fundo il dessert firmato da Cristiana Sparvoli: la crostata alla frutta cotta della Marca Trevigiana accompagnata dal peccaminoso Recioto di Soave classico Docg 2020 Rocca Sveva.

Il Chiaropuro Rocca Sveva, un bianco intrigante con piacevoli note balsamiche

In chiusura due parole e un plauso merita il Chiaropuro bianco Rocca Sveva, un blend di pregiati vitigni a bacca aromatica coltivati sulle colline veronesi (Incrocio Manzoni, Müller Thurgau, Garganega e Moscato) con sovramaturazione in pianta di 10-15 giorni, a cui seguono dieci giorni di appassimento sui graticci e successiva vinificazione e affinamento in acciaio.

Gli auguri di Amorim nella magica atmosfera di Rocca Sveva

Alcuni gioielli della linea Rocca Sveva Cadis 1898 Cantina di Soave

Colore giallo paglierino intenso con riflessi dorati, regala un bouquet di frutta gialla matura, soprattutto ananas e albicocca con una nota accattivante di tiglio, mentre in bocca si presenta corposo ed equilibrato con una leggera nota balsamica. Il sorso è piacevolmente aromatico e straordinariamente lungo. Chapeau.

In alto i calici. Prosit!

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Giordana Talamona
ROS
Tipicità
Tirreno CT

Giordana Talamona
ROS
Tipicità

Tirreno CT
Roner
Horeca Expoforum