Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 13 aprile 2024  | aggiornato alle 05:50 | 104556 articoli pubblicati

A Palazzo di Varignana le premiazioni dei campioni del mondo di gelateria 2024

Una mattinata di sole e di festa per celebrare gli artefici e tutti i soggetti che, in un fantastico gioco di squadra, sono riusciti al Sigep a riportare in Italia la Coppa del mondo di gelateria

di Giuseppe De Biasi
 
25 marzo 2024 | 14:54

A Palazzo di Varignana le premiazioni dei campioni del mondo di gelateria 2024

Una mattinata di sole e di festa per celebrare gli artefici e tutti i soggetti che, in un fantastico gioco di squadra, sono riusciti al Sigep a riportare in Italia la Coppa del mondo di gelateria

di Giuseppe De Biasi
25 marzo 2024 | 14:54
 

Un momento di celebrazione ma anche di riflessione di quanta strada abbia davanti a sé un'eccellenza come il gelato artigianale italiano, l'evento svoltosi il 22 marzo sulle prime colline a ridosso di Castel San Pietro, nello splendido scenario del settecentesco Palazzo di Varignana. Una mattinata di sole e di festa per celebrare gli artefici e tutti i soggetti che, in un fantastico gioco di squadra, sono riusciti al Sigep 2024 di Rimini a riportare in Italia la Coppa del mondo di gelateria.

A Palazzo di Varignana le premiazioni dei campioni del mondo di gelateria 2024

Il team Italia, vincitore della Coppa del mondo di gelateria

Gelateria, in Italia 2 miliardi di euro di business e 70mila posti di lavoro

Dopo i saluti istituzionali di Francesca Marchetti, consigliera regionale sempre molto vicina al comparto agroalimentare - settore che all'interno della Food Valley emiliana rappresenta un volano di economia e di eccellenze enogastronomiche conosciute nel mondo - la parola è passata al Team manager della nazionale del gelato italiana, il pluridecorato maestro Ampi, Davide Malizia. «L'Italia è campione del mondo della gelateria e per due anni porteremo questo titolo. Qualcosa che ci stimola ad andare oltre e farci portavoce di un comparto che produce circa 2 miliardi di euro l'anno e muove più di 70mila posti di lavoro. Insomma, un grande business ma anche lavoro artigianale capace di coniugare tecnica e creatività, evoluzione tecnologica a sapienza antica: un vero vessillo e un simbolo nel mondo della nostra nazione».

Malizia ha evidenziato come, però, il comparto della gelateria sia ancora «troppo silenzioso, non avendo lo stesso livello di fama della pasticceria e che necessita di un cambio di passo culturale che coinvolga il grande pubblico oltre alle istituzioni». Approfittando del contesto ha annunciato un road tour che in questi due anni che mancano alla prossima sfida mondiale sarà in giro per la penisola, portando la squadra vincitrice composta oltre che da lui, nella veste di Team manager, dai quattro “dolci moschettieri” Domenico di Clemente, Vincenzo Donnarumma, Rosario Nicodemo e Filippo Valsecchi, ad essere ambasciatrice del gelato italiano attraverso corsi, masterclass ed eventi aperti agli operatori e al pubblico.

A Palazzo di Varignana presentata l'opera vincitrice al Sigep

Durante la mattinata nella sala attigua tutti gli ospiti hanno potuto rivedere l'opera vincitrice, la fantastica creazione ispirata agli “Abissi marini” che ha convinto la giuria a decretare la vittoria italiana a Rimini.
Il tema scelto, come ha spiegato Malizia, complesso e impegnativo ma al tempo stesso stimolante per tutto il team. «Tra i vari elaborati la torta gelato è stato il nostro "pezzo forte", quella che ha impressionato la giuria: una torta completamente innovativa con all'interno una tartaruga, realizzata con nuove creme e texture, e caratterizzata da un gusto fresco di yogurt, lampone e mango. Mentre a livello tecnico, di colorazione e di forme il tavolo finale delle sculture e delle pièce è stato quello più d'impatto: rappresentato da un acquario dove spicca una sirena avvolta da una piovra, che con l'arpione si scaglia contro la scultura in ghiaccio, a forma di squalo. Dopodiché si è passati alla scultura in croccante: una manta marina che porta sulla schiena un anemone di mare realizzato in zucchero tirato, per finire con la vaschetta decorata da mante marine. La tecnicità è stata molto complessa, anche per l'utilizzo dell'aerografo in diretta».

A Palazzo di Varignana le premiazioni dei campioni del mondo di gelateria 2024

Il team Italia con il maestro Iginio Massari

Nel corso dell'evento non è mancato lo spazio per il riconoscimento al pool di sponsor (Agrimontana, Azienda agricola Baldinelli Ferri, Belcolade, Camel, Carpigiani, Cesarin, Club Kavè, Coltellerie Berti, Di Sano, Fabbri 1905, Fugar, Irca, JoyGelato, Mgm Alimentari, Molino Dallagiovanna, Molino Colombo, Ponthier, Selmi) che ha permesso alla squadra di riuscire ad imporsi su tanti valorosi concorrenti. Prima dei saluti finali il momento corale che ha visto protagoniste le associazioni di categoria con Iginio Massari, presidente Apei (Ambasciatori pasticceri dell'eccellenza italiana); Matteo Cutolo, Presidente Fipgc (Federazione Internazionale pasticceria, gelateria e cioccolateria); Paolo Sacchetti, vicepresidente Ampi (Accademia maestri pasticceri italiani); Claudio Gatti, presidente Accademia dei maestri del lievito madre e panettone italiano, e Sonia Re, direttore generale Associazione professionale cuochi italiani.

Insomma una vera festa di talento e di gusto per un prodotto che in forma di coni e coppette porta il giro per il mondo il tricolore insieme a competenza, professionalità ed estro artigianale rigorosamente “made in Italy".

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Torresella
Giordana Talamona
Brita
Molino Spadoni

Torresella
Giordana Talamona
Brita

Molino Spadoni
Fratelli Castellan
Siggi