Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 19 maggio 2024  | aggiornato alle 01:54 | 105271 articoli pubblicati

Roero
Salomon FoodWorld
Salomon FoodWorld

Borderwine: torna l'8ª edizione del salone transfrontaliero del vino naturale

Per il 3° anno il parco di Villa Manin di Passariano (Ud) ospiterà Borderwine, il il salone transfrontaliero del vino naturale del Friuli Venezia Giulia giunto all'ottava edizione. Appuntamento a domenica 16 e lunedì 17 giugno

 
08 maggio 2024 | 09:30

Borderwine: torna l'8ª edizione del salone transfrontaliero del vino naturale

Per il 3° anno il parco di Villa Manin di Passariano (Ud) ospiterà Borderwine, il il salone transfrontaliero del vino naturale del Friuli Venezia Giulia giunto all'ottava edizione. Appuntamento a domenica 16 e lunedì 17 giugno

08 maggio 2024 | 09:30
 

Sarà il parco di Villa Manin di Passariano (Ud) ad ospitare Borderwine, il salone transfrontaliero del vino naturale del Friuli Venezia Giulia che quest’anno giunge all’ottava edizione e si svolgerà domenica 16 (dalle 17.00 alle 23.00) e lunedì 17 giugno (dalle 16.00 alle 22.30). L'evento, che si terrà a Villa Manin per il terzo anno consecutivo, è organizzato con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia attraverso il marchio “Io sono Friuli Venezia Giulia”.

Borderwine: torna l'8ª edizione del salone transfrontaliero del vino naturale

Borderwine torna il 16 e il 17 giugno

Borderwine, un evento per gli amanti del vino naturale

Confermato anche per il 2024 il tema "borderless" (brez meja, ohne Grenzen), ovvero senza confini, un valore da sempre centrale per Borderwine e in linea con la programmazione regionale per GO!2025 Capitale Europea della Cultura 2025. Un tema che sottolinea l'importanza della collaborazione e dello scambio tra culture e territori diversi, elementi essenziali per la crescita e l'innovazione del settore vitivinicolo.

Borderwine: torna l'8ª edizione del salone transfrontaliero del vino naturale

Confermato anche per il 2024 il tema "borderless", ovvero senza confini

Nato nel 2016, infatti, Borderwine è un’eccellenza nel panorama italiano dedicato al vino naturale. I criteri per poter partecipare come produttori al salone rimangono gli stessi: scelta dei terreni, rispetto della loro biodiversità, esclusione di qualsiasi tipo di pesticidi, additivi o di manipolazione chimica o fisica.

Borderwine, la sfida del vino naturale

Produrre vino naturale per Borderwine significa guardare al futuro non solo dell’enologia, ma dell’agricoltura in genere, opponendosi alla logica che vuole una produzione continua e massiccia ad ogni costo. «Borderwine - spiegano i fondatori Valentina Nadin e Fabrizio Mansutti - è per definizione un evento senza barriere, esattamente come il Friuli Venezia Giulia è una terra transfrontaliera che ha fatto dei propri confini un valore aggiunto per la cooperazione internazionale in vista di un anno così importante e irripetibile per due città, due regioni e due interi paesi, siamo convinti che un bicchiere di vino prodotto rispettando natura e risorse possa diventare simbolo di unione e di condivisione, di confini che si aprono. Ancora di più in un momento storico così difficile e delicato, caratterizzato da conflitti e tensioni internazionali».

Borderwine, non solo vino naturale

Borderwine è un appuntamento imperdibile per gli amanti del vino naturale, per i professionisti del settore e per tutti coloro che desiderano scoprire un mondo di sapori autentici e genuini. Un'occasione unica per immergersi nella bellezza del territorio friulano e per vivere un'esperienza enogastronomica di alto livello. Durante le due giornate di Borderwine, ci saranno degustazioni speciali condotte da esperti enologi e, quest’anno, due conferenze organizzate rispettivamente da Animaimpresa e da “Part - Energy” e dedicate a diversi aspetti della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale delle imprese, valori fondanti dell’evento.

Borderwine: torna l'8ª edizione del salone transfrontaliero del vino naturale

Borderwine offrirà un ricco programma di degustazioni guidate da esperti enologi

Borderwine 2024 offrirà un ricco programma di degustazioni guidate da esperti enologi, con la possibilità di scoprire il meglio del vino naturale del Friuli Venezia Giulia e di altre regioni d'Italia e d'Europa. Non mancherà ovviamente la parte dedicata al cibo, con la presenza di produttori agroalimentari e ristoratori del territorio che proporranno le loro specialità gastronomiche. Tra i confermati ci sono Go!Pasta, progetto alimentare transfrontaliero, e Mood di Trieste. Infine, Borderwine avrà un suo spazio dedicato alle eccellenze del territorio, come il prosciutto di San Daniele, in collaborazione con l'osteria Ai Barnabiti di Udine.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Elle & Vire
Tinazzi
Molino Pavoni
Torresella

Elle & Vire
Tinazzi
Molino Pavoni

Torresella
Onesti Group
Julius Meiln