Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 02 aprile 2020 | aggiornato alle 02:32| 64528 articoli in archivio
Rotari
Rational
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

Più che l'acqua potè la fake news
A Venezia affonda solo il turismo

Più che l'acqua potè la fake news 
A Venezia affonda solo il turismo
Più che l'acqua potè la fake news A Venezia affonda solo il turismo
Primo Piano del 29 novembre 2019 | 17:27

A causa di un'informazione fuorviante circa l'alta marea delle scorse settimane, la Serenissima si ritrova con scarse prenotazioni da qui a primavera. Federalberghi si attrezza per correggere il tiro. Nei prossimi giorni è previsto un incontro con la stampa estera per "formare" i giornalisti stranieri sulla situazione reale.

Che il picco storico di acqua alta registratosi a Venezia a metà mese sia stato un dramma per chi vive e lavora in Laguna non c'è dubbio. Tanti i commercianti, i ristoratori e gli albergatori che hanno dovuto fare i conti con danni materiali fino anche a 500mila euro a causa dell'acqua che ha danneggiato gravemente soprattutto i macchinari. Ma che ora si pensi ad una Venezia ancora sott'acqua e si rinunci ad un viaggio tra i canali per il timore di essere sommersi questa è disinformazione, ai limiti di una fake news.

Venezia è tornata a respirare (Più che l'acqua potè la fake news Venezia perde il 40% di turismo)
Venezia è tornata a respirare

Venezia sta bene, deve sempre fare i conti con i margini dell'acqua che - per ovvi motivi - tendono ad alzarsi e abbassarsi, ma è tornata a vivere come ha sempre fatto. Il messaggio però non è passato, soprattutto all'estero, dove i media (anche autorevoli) continuano a parlare di acqua alta. Qualcuno scrive che l'acqua non è più a 187 centimetri (il massimo registrato durante l'ultima ondata di maltempo, limite davvero preoccupante) ma a un metro, creando allarmismi e preoccupazioni inutili. Il limite di un metro è assolutamente nella norma, basta togliersi dalla testa che il metro sia arrivato sulla "terra ferma", ma che faccia parte di quello che in gergo si chiama "medio mare". Insomma, per chiarire: il livello dell'acqua è pienamente nella norma.

Tuttavia rimettere in circolazione delle "rettifiche" è cosa molto complessa. Nonostante a Venezia ci stiano provando, i turisti continuano ad inviare annullamenti di prenotazioni. Federalberghi Venezia stima che il calo da qui alla primavera 2020 sia del 40%: tantissimo. Per questo si sta rimboccando le maniche per incontrare la stampa estera e dare le corrette informazioni circa lo stato di salute e di agibilità della Laguna affinchè gli addetti ai lavori informino correttamente i propri lettori.

Daniele Minotto (Più che l'acqua potè la fake news Venezia perde il 40% di turismo)
Daniele Minotto

A comunicarlo è il vicedirettore di Federalberghi Venezia, Daniele Minotto: «Entro la prima metà di dicembre - spiega - vorremmo incontrare la stampa estera per chiarire la situazione e portare in città gli stessi giornalisti affinchè vedano in prima persona come è messa Venezia. Purtroppo c'è molta disinformazione sullo stato attuale e questo sta creando ingenti danni alla nostra economia. La mancanza di turisti significa meno lavoro per gli alberghi, meno lavoro per i ristoranti, meno lavoro per i commercianti, ma anche meno lavoro per i fornitori; insomma il problema esiste e stiamo cercando di fare il possibile per arginarlo».

Stimare la perdita in termini economici è cosa complicata, ma se si pensa che il fatturato annuale medio del turismo a Venezia vale 2 miliardi di euro non si fatica a fare due conti. «Poniamo l'attenzione sulla stampa estera - prosegue il vice-presidente - perchè l'87% dei turisti che vengono da noi sono stranieri. Venezia oggi sta bene, alcune strutture stanno risolvendo i problemi causati dall'acqua alta, ma la città vive in maniera regolare».

Il termine di paragone utilizzata da Minotto è tanto crudo quanto emblematico: «Venezia non è stata vittima di un terremoto - osserva - dove le macerie, purtroppo, rendono davvero inagibile una città per tanto tempo. A Venezia c'è stata l'acqua più alta del solito, ma ora è tornata nella norma e non sta causando problemi. Lo ha fatto nel clou del maltempo, è chiaro che abbia causato danni davvero ingenti e che la gente ne ha risentito parecchio, ma ora si vive come sempre, questo vogliamo e dobbiamo dirlo con forza».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism venezia laguna acqua alta maltempo federalberghi turisti stampa fake news estero Daniele Minotto

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®