Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 19 giugno 2024  | aggiornato alle 00:22 | 105944 articoli pubblicati

Elle & Vire
Siad
Siad

Cervello e memoria più attivi? Prova il Ginkgo biloba

Il Ginkgo biloba è una pianta con una lunga storia e un uso diffuso nella medicina tradizionale e moderna. Le sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e vasodilatatorie potrebbero offrire benefici per la salute del cervello

 
30 maggio 2024 | 08:30

Cervello e memoria più attivi? Prova il Ginkgo biloba

Il Ginkgo biloba è una pianta con una lunga storia e un uso diffuso nella medicina tradizionale e moderna. Le sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e vasodilatatorie potrebbero offrire benefici per la salute del cervello

30 maggio 2024 | 08:30
 

Il Ginkgo biloba, spesso chiamato anche "albero dai ventagli" o "fossile vivente", è una pianta antichissima con origini che risalgono a circa 250 milioni di anni fa. È l'unica specie vivente della famiglia Ginkgoaceae e vanta una storia affascinante che lo ha portato ad essere considerato un simbolo sacro in alcune culture. Nella medicina tradizionale cinese, il Ginkgo biloba veniva utilizzato per trattare diverse condizioni, tra cui: problemi di memoria e concentrazione, disturbi circolatori, vertigini e acufeni, asma e bronchiti, malattie renali e vescicali. Oggi, l'estratto di Ginkgo biloba è uno degli integratori alimentari più popolari al mondo per migliorare la memoria e la funzione cognitiva, contrastare i sintomi del declino cognitivo legato all'età, proteggere la salute del cervello e del sistema nervoso, promuovere la circolazione sanguigna e ridurre l'infiammazione. Vediamo nel dettaglio le proprietà del Ginkgo biloba.

Cervello e memoria più attivi? Prova il Ginkgo biloba

Il Ginkgo biloba, spesso chiamato anche albero dai ventagli o fossile vivente

Le proprietà del Ginkgo biloba

Come detto la Ginkgo biloba: 

  • Migliora la circolazione sanguigna al cervello: questo può aiutare a migliorare la memoria, la concentrazione, la capacità di apprendimento e la funzione cognitiva generale.
  • Aumenta il flusso di ossigeno e glucosio al cervello: questo può aiutare a proteggere le cellule cerebrali dai danni e migliorare la loro funzione.
  • Riduce l'infiammazione nel cervello: l'infiammazione cronica è associata a un declino cognitivo e alla demenza. Il Ginkgo biloba può aiutare a ridurre l'infiammazione e proteggere il cervello dai danni.
  • È un potente antiossidante: gli antiossidanti combattono i radicali liberi, che possono danneggiare le cellule cerebrali e contribuire al declino cognitivo. Il Ginkgo biloba è uno dei più potenti antiossidanti naturali.
  • Migliora la circolazione sanguigna: il Ginkgo biloba può aiutare ad aumentare il flusso sanguigno in tutto il corpo, compresi i piedi, le mani e il cervello. Questo può essere utile per le persone che soffrono di problemi circolatori come la claudicatio intermittens o la malattia di Raynaud.
  • Riduce la pressione sanguigna: alcuni studi hanno dimostrato che il Ginkgo biloba può aiutare ad abbassare leggermente la pressione sanguigna.
  • Può aiutare a prevenire i coaguli di sangue: il Ginkgo biloba può aiutare a migliorare la fluidità del sangue e ridurre il rischio di coaguli di sangue.
  • Può aiutare a migliorare i sintomi dell'acufene: l'acufene è un ronzio o un suono sibilante nelle orecchie. Il Ginkgo biloba può aiutare a migliorare i sintomi dell'acufene in alcune persone.
  • Può aiutare a ridurre l'ansia: alcuni studi hanno dimostrato che il Ginkgo biloba può aiutare a ridurre i sintomi dell'ansia.
  • Può proteggere gli occhi dai danni: il Ginkgo biloba può aiutare a proteggere gli occhi dai danni causati dai radicali liberi. Questo può essere utile per le persone a rischio di malattie oculari legate all'età come la maculopatia degenerativa senile.

Benefici del Ginkgo biloba, ricerche ancora in corso

Tuttavia è bene sapere che le ricerche sugli effetti del Ginkgo biloba sono ancora in corso e sono necessari ulteriori studi per confermare tutti i suoi benefici.
Il Ginkgo biloba può interagire con alcuni farmaci. È importante parlare con il proprio medico prima di assumere Ginkgo biloba, soprattutto se si assumono altri farmaci. Il Ginkgo biloba non è raccomandato per le donne in gravidanza o che allattano.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Senna
Consorzio Barbera Asti
Elle & Vire
Siad

Senna
Consorzio Barbera Asti

Elle & Vire
Rcr
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni