Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 19 maggio 2024  | aggiornato alle 01:18 | 105271 articoli pubblicati

Roero
Salomon FoodWorld
Roero

Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

Il 2024 presenta sfide significative nel settore food & hospitality, con un'incertezza economica globale e pressanti questioni ambientali. Tuttavia, il turismo in Italia mostra resilienza e potenziale di crescita. La gestione delle materie prime, del personale e dei costi energetici rimane complessa. Per affrontare queste sfide, emerge la tendenza al ritorno alla semplicità

di Massimo A. Giubilesi
Founder & Ceo Giubilesi & Associati, Chairman FCSI Italian Unit
10 maggio 2024 | 05:00
Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità
Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

Il 2024 presenta sfide significative nel settore food & hospitality, con un'incertezza economica globale e pressanti questioni ambientali. Tuttavia, il turismo in Italia mostra resilienza e potenziale di crescita. La gestione delle materie prime, del personale e dei costi energetici rimane complessa. Per affrontare queste sfide, emerge la tendenza al ritorno alla semplicità

di Massimo A. Giubilesi
Founder & Ceo Giubilesi & Associati, Chairman FCSI Italian Unit
10 maggio 2024 | 05:00
 

Non vorrei sembrare colui che ribadisce l’ovvio, ma come consulente nel vasto settore food & hospitality, non posso che condividere con voi che il trend gestione della ristorazione e dell'ospitalità continua ad essere alquanto complesso e complicato.

Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

Al ristorante si conferma un ritorno alla semplicità

Avvicinandosi quindi alla stagione estiva, il 2024 emerge come un anno di significative contrapposizioni e riflessioni: tra le sfide globali, l'incertezza economica e le pressanti questioni ambientali, nasce un desiderio collettivo di ritorno all'essenziale, di riscoperta di una adeguata serenità ormai dimenticata.

La stagione turistica alle porte secondo Confindustria Turismo prevede che il numero di arrivi di turisti stranieri in Italia nel 2024 possa raggiungere i 68 milioni, con un aumento del 15% rispetto al 2023.

Le sfide per il turismo: materie prime, personale e costi energetici

Questi dati riflettono non solo la resilienza del nostro settore turistico, ma anche il suo potenziale di crescita in un contesto globale ancora caratterizzato da incertezze.

Nonostante tutte le buone previsioni, nessun operatore può illudersi che la gestione dell'approvvigionamento di materie prime smetterà di essere un esercizio di equilibrismo, con la volatilità dei mercati che mette a dura prova la stabilità degli inventari.

Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

I costi energetici incidono sulle operazioni quotidiane

Il reperimento di personale (responsabili, qualificati, generici) continuerà a sua volta di assomigliare ad una vera e propria caccia al tesoro, in un paesaggio in cui la competizione per talenti è accesa più che mai, complicata ulteriormente dalla crescente richiesta di competenze versatili e di una profonda comprensione delle dinamiche sostenibili.

Parallelamente, l'onere dei costi energetici non smetterà di incidere significativamente sulle operazioni quotidiane, erodendo margini già ridotti e costringendo gli operatori a una continua ricerca di soluzioni per ottimizzare le risorse e ridurre i consumi. Queste pressioni, unite all'aumento delle aspettative dei consumatori per esperienze di qualità superiore, ma eticamente responsabili, delineano un quadro di operatività estremamente impegnativo.

Ristorazione: ritorno alla semplicità per superare la crisi

In questo contesto, il ritorno alla semplicità non rappresenta soltanto una moda passeggera, ma si afferma come una strategia necessaria e salutare per navigare nella tempesta trovando una via di uscita.La valorizzazione di materie prime povere del territorio (sarebbe meglio definirle umili) non solo allevia le difficoltà legate all'approvvigionamento riducendo la dipendenza da catene di fornitura lunghe e incerte, ma si allinea anche con un'etica di consumo più sostenibile, rispondendo alle richieste di un pubblico sempre più attento e consapevole al valore che il cibo deve portare dentro di sé.

Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

La valorizzazione di materie prime povere del territorio può essere una carta vincente

È in questo contesto che la cucina, da sempre specchio delle dinamiche sociali e culturali, si fa portatrice di un messaggio profondo e rivoluzionario: la voglia di semplicità. Abbandonando la corsa all'eccesso e al superfluo, la riscoperta della cucina umile diventa il simbolo di una resistenza poetica contro il caos del mondo moderno, un viaggio attraverso gli ingredienti semplici e le preparazioni tradizionali che si fa manifesto di autenticità, sostenibilità e creatività.

Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

La riscoperta della cucina umile diventa il simbolo di una resistenza poetica contro il caos del mondo moderno

Inoltre, l'adozione di menu più semplici e focalizzati può contribuire a mitigare la crisi del personale, rendendo la formazione più accessibile e consentendo agli operatori di valorizzare le competenze locali, forgiando team più coesi e motivati. Infine, una cucina che privilegia l'essenzialità, si traduce spesso in processi più efficienti dal punto di vista energetico, con benefici tangibili sia in termini di sostenibilità ambientale che di sostenibilità economica.

La semplicità, quindi, più che una tendenza diventa una bussola per gli operatori del settore food e ospitalità nel 2024, offrendo una via pragmatica per affrontare le complessità del presente.

Newstalgia e resilienza: ripensare la cucina italiana per un futuro sostenibile

Attraverso questo ritorno alle origini, il settore può sperare di rinnovarsi, attingendo forza e ispirazione dalla ricchezza della tradizione culinaria e dalla genuinità degli ingredienti, per costruire un futuro resiliente, responsabile e profondamente umano.

La riscoperta della cucina umile e la valorizzazione degli ingredienti semplici si inseriscono perfettamente nella tendenza definita con il recente neologismo “newstalgia”, un termine che fonde insieme il fascino del passato con l'innovazione del presente, offrendo una “nuova nostalgia” per esperienze autentiche e ricche di significato.

Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

La newstalgia fonde insieme il fascino del passato con l'innovazione del presente

La cucina umile che valorizza la filiera “food & people” del territorio, quando incontra innovazione e tecnologia nelle modalità di preparazione, cottura, conservazione fa certamente un salto di qualità che fa bene all’impresa e fa bene ai consumatori.

Diventa logico quindi ricordarsi che in momenti di incertezza e complessità, come quelli che stiamo vivendo, emerge una verità fondamentale: la soluzione più efficace spesso risiede nella capacità di fare il massimo con ciò che si ha a disposizione.

Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

La cucina umile può valorizzare la filiera “food & people”

Questa filosofia, radicata nella pratica della cucina umile e nella tendenza della “newstalgia”, offre un potente promemoria dell'importanza della resilienza e dell'ingegnosità che sono i pilastri fondamentali della cucina italiana.

Riscoprire le radici: semplicità, tradizione e innovazione nella ristorazione italiana

In conclusione, il 2024 si prospetta come l'anno in cui il settore food & hospitality potrà riaffermare la sua identità attraverso la semplicità, la tradizione e l'innovazione.

I ristoratori che sapranno interpretare e applicare il concetto di “newstalgia” nel loro approccio culinario non solo risponderanno alle aspettative di un pubblico in cerca di autenticità, ma contribuiranno anche a definire l’identità del futuro della ristorazione italiana, dimostrando che la strada verso l'innovazione può essere sapientemente lastricata dalla riscoperta delle nostre radici più profonde.

Ristorazione: i trend confermano un ritorno alla semplicità

La strada verso l'innovazione può essere sapientemente lastricata dalla riscoperta delle nostre radici più profonde

Riconoscere e abbracciare la semplicità, quindi, non è una mera necessità, ma una scelta consapevole che può portarci a riscoprire il valore intrinseco delle nostre radici culturali e culinarie, e a costruire un futuro del settore food e ospitalità che sia sostenibile, resiliente e profondamente umano.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Bergader
Julius Meiln
Siggi
Festival Brodetto 2024

Bergader
Julius Meiln
Siggi

Festival Brodetto 2024
Consorzio Barbera Asti
Onesti Group