Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 24 febbraio 2024  | aggiornato alle 09:16 | 103371 articoli pubblicati

Fortunato Amarelli nuovo presidente dell'Unione imprese centenarie italiane

Classe 1972, calabrese di Rossano (Cosenza), Fortunato Amarelli è anche amministratore delegato dello storico brand del settore dolciario Amarelli Fabbrica di Liquirizia 1731. Succede a Eugenio Alphandery

di Paola Scarsi
 
08 febbraio 2024 | 16:43

Fortunato Amarelli nuovo presidente dell'Unione imprese centenarie italiane

Classe 1972, calabrese di Rossano (Cosenza), Fortunato Amarelli è anche amministratore delegato dello storico brand del settore dolciario Amarelli Fabbrica di Liquirizia 1731. Succede a Eugenio Alphandery

di Paola Scarsi
08 febbraio 2024 | 16:43
 

Fortunato Amarelli è il nuovo presidente dell'Unione imprese centenarie italiane, associazione nata nel 2000 a Firenze, che oggi abbraccia 46 aziende di 12 regioni d'Italia, testimoni del Made in Italy più longevo. Lo ha deciso l'assemblea generale chiamata a rinnovare gli organi sociali per il quadriennio 2024-2027. Amarelli succede all'imprenditore fiorentino Eugenio Alphandery, che è stato alla guida dell'Unione per tre mandati consecutivi.

Fortunato Amarelli nuovo presidente dell'Unione imprese centenarie italiane

Fortunato Amarelli, il nuovo presidente dell'Unione imprese centenarie italiane

Ecco chi è Fortunato Amarelli, il nuovo presidente dell'Unione imprese centenarie italiane

Classe 1972, calabrese di Rossano (Cosenza), Fortunato Amarelli è amministratore delegato dello storico brand del settore dolciario Amarelli Fabbrica di Liquirizia 1731. Laureato in Giurisprudenza, ha perfezionato il suo percorso formativo alla Sda Bocconi di Milano e vanta una preziosa esperienza nel mondo dell'associazionismo.

«Continuerò con responsabilità l'ottimo lavoro portato avanti dai miei predecessori Franco Torrini ed Eugenio Alphandery - afferma Fortunato Amarelli. Le aziende centenarie rappresentano un patrimonio inestimabile per il nostro Paese. Non solo storia ma soprattutto ingegno, resistenza, resilienza e tantissima innovazione, valori quanto mai essenziali soprattutto in un periodo storico, dal futuro incerto, come quello che stiamo vivendo. L'Italia è sicuramente al primo posto per la longevità delle sue imprese - continua Amarelli. Serve far comprendere ad aziende e istituzioni che la valorizzazione dell'heritage aziendale può avere ricadute economiche positive e diffuse».

Unione imprese centenarie italiane, i nuovi ingressi nel Cda

Faranno parte del nuovo Cda anche Massimiliano Apollonio (Apollonio Vini 1870), Giovanni Busi (Azienda Agricola Travignoli 1473), Costanza Musso (M.A. Grendi dal 1828 Società Benefit), Livio Sassolini (Busatti 1842) e Claudio Stefani (Gran Deposito Aceto Balsamico Giuseppe Giusti 1605). A comporre il Comitato di Indirizzo della Unione ci saranno invece Allegra Antinori (Marchesi Antinori 1385), Silvia Belvedere Mazzetti (Mazzetti d'Altavilla 1846), Piernicola Leone de Castris (Leone de Castris 1665), Giovanni Dorin (Officine Mario Dorin 1919), Niccolò Manetti (Manetti Battiloro 1820), Stefano Mariotti (Manifatture Sigaro Toscano 1818), Francesco Ricasoli (Barone Ricasoli 1141), Domenico Scimone (Carpenè-Malvolti 1868), Massimo Sella (Banca Sella 1886) e Giuseppe Villani (Villani Salumi 1886).

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Notte Rossa
Tirreno CT
Delyce
Tipicità

Notte Rossa
Tirreno CT
Delyce

Tipicità
Roner
Giordana Talamona