Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 24 aprile 2024  | aggiornato alle 07:32 | 104771 articoli pubblicati

Rational
Salomon FoodWorld
Rational

Anche D&G (con Del Vecchio?) negli stabilimenti balneari: si riaccende la polemica

Le Carillon di Paraggi (Ge) cambia volto per essere vestito da D&G. Pronto ad entrare in partnership anche Leonardo Maria Del Vecchio, a cui sarebbe affidata la parte food & beverage dello stabilimento

 
27 febbraio 2024 | 18:07

Anche D&G (con Del Vecchio?) negli stabilimenti balneari: si riaccende la polemica

Le Carillon di Paraggi (Ge) cambia volto per essere vestito da D&G. Pronto ad entrare in partnership anche Leonardo Maria Del Vecchio, a cui sarebbe affidata la parte food & beverage dello stabilimento

27 febbraio 2024 | 18:07
 

Dopo l'accordo tra il marchio d'alta moda Dolce & Gabbana e la famiglia Rocca, Le Carillon di Paraggi (Ge) cambia volto per essere vestito dagli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Ma non solo: alla finestra, pronto ad entrare in partnership con i primi due attori c'è anche Leonardo Maria Del Vecchio, figlio dell'ex presidente di Luxottica cui sarebbe affidata la parte food and beverage dello stabilimento. Uno scenario che riaccende la polemica sulle concessioni balneari.

Anche D&G (con Del Vecchio?) negli stabilimenti balneari: si riaccende la polemica

Le Carillon di Paraggi (Ge) cambia volto

Lusso negli stabilimenti balneari

Del Vecchio, infatti, ha recentemente aperto una catena di ristoranti gourmet a Milano (“Vesta”, “Fiori” e “Chiari”) e si affiancherebbe a D&G, brand chiamato ad allestire gli ambienti del locale che rimane di proprietà della famiglia Rocca, titolare anche della concessione demaniale in scadenza. Non è chiaro se questo affiancamento commerciale porterà anche ad un vero e proprio subentro. Al momento, infatti, rimangono cucite le bocche di tutti gli attori coinvolti nell'operazione.

Anche D&G (con Del Vecchio?) negli stabilimenti balneari: si riaccende la polemica

Le Carillon, in ogni caso, non è nuovo ad operazioni di questo genere

Le Carillon, in ogni caso, non è nuovo ad operazioni di questo genere: in passato era già stato vestito da un altro brand di alta moda come Missoni, ma non è l'unico caso: i Bagni Fiore, sempre a Paraggi, ad esempio avevano stretto un accordo con Dior.

Stabilimenti balneari, continua l'incertezza

Tuttavia, dopo le polemiche esplose a Jesolo, anche Enrico Schiappapietra, presidente del sindacato balneari liguri, sul Secolo XIX ha avanzato delle perplessità: «Che uno stabilimento con la concessione in scadenza a fine 2024, quindi tra pochi mesi, sia oggetto di un'operazione che prevede una ristrutturazione, quindi investimenti, fa abbastanza specie».

«In questa fase di incertezza totale – ha continuato – un'impresa familiare come lo sono quasi tutte quelle dietro i bagni marini, non si imbarcherebbe in progetti nuovi per evidenti rischi. Possono farlo solo i potentati economici, come i grandi gruppi o i grandi marchi, i cui bilanci consentono loro di rischiare».

Quale futuro per gli stabilimenti balneari?

Non manca un affondo contro il Governo: «Lo Stato ha precise responsabilità per non aver risolto prima la questione ed ora è assente. Tecnicamente queste gare nessuno ha chiarito come si faranno. E nel dubbio i big si muovono per posizionarsi perché immaginano che avere un mezzo piede già dentro potrebbe essere un vantaggio».

Anche D&G (con Del Vecchio?) negli stabilimenti balneari: si riaccende la polemica

«I big si muovono per posizionarsi perché immaginano che avere un mezzo piede già dentro potrebbe essere un vantaggio»

«La vera domanda da porci - ha concluso  - è: una volta completate le loro operazioni finanziarie cosa offriranno al pubblico questi nuovi gestori? Vorranno un loro target di utenti e il rischio è di cancellare il valore sociale delle vecchie gestioni che finora sono state sempre aperte per tutti, a prescindere ovviamente dai prezzi diversi da stabilimento in stabilimento».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Union Camere

Fonte Margherita
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni

Festival Brodetto 2024
Giordana Talamona