Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 24 settembre 2021 | aggiornato alle 17:23 | 78121 articoli in archivio

Monza, sanzioni fino a 500 euro per chi vende alcol ai minori di 16 anni

Ordinanza ideata dagli assessori Lega e Pdl: bisognerà mostrare i documenti per poter acquistare vino e birra. Il divieto vale per bar e ristoranti, ma anche per i negozi alimentari. Le nuove nome cittadine entreranno in vigore il 1° luglio sulla base del decreto Maroni sulla sicurezza

17 giugno 2009 | 23:50

Monza, sanzioni fino a 500 euro per chi vende alcol ai minori di 16 anni

Ordinanza ideata dagli assessori Lega e Pdl: bisognerà mostrare i documenti per poter acquistare vino e birra. Il divieto vale per bar e ristoranti, ma anche per i negozi alimentari. Le nuove nome cittadine entreranno in vigore il 1° luglio sulla base del decreto Maroni sulla sicurezza

17 giugno 2009 | 23:50

 Da il corriere.it

Vietato mandare il figlio adolescente al supermercato a comperare vino o birra. Vietato ai minori di 16 anni chiedere una birretta per accompagnare la pizza dopo il cinema. Vietato tentare di aggirare vincoli e norme cercando di acquistare gli alcolici dal droghiere. E' Monza il primo Comune italiano a introdurre il divieto di vendita di alcolici ai minori di 16 anni, inasprendo l'articolo 689 del Codice Penale che ne vieta già la somministrazione. L'ordinanza firmata, in virtù del decreto Legge Maroni, dal sindaco di centrodestra Marco Mariani entrerà in vigore dal primo luglio e in pratica renderà impossibile, o realisticamente solo più complicato, per un minore di 16 anni acquistare alcolici in un locale come in un supermercato.

SANZIONI PER I NEGOZIANTI - Non solo: esercenti e impiegati dei supermercati avranno il diritto-dovere di chiedere i documenti ai giovanissimi che vogliono acquistare alcolici. Se il commerciante non applica il divieto, rischia di incappare in una sanzione fino a 500 euro, che la Giunta, nei prossimi giorni, porterà a 400. L'assessore leghista alla Sicurezza Massimiliano Romeo, che insieme con il suo collega del Pdl alle Attività produttive Paolo Gargantini ha ideato l'ordinanza, spiega: «L'amministrazione vuole dare un segnale educativo, in un Paese che ha il non invidiabile primato di precocità all'iniziazione all'alcol, perché i giovani sono i consumatori di domani e se li educhiamo oggi diminuiremo gli effetti negativi nella società futura».

«SCHIAMAZZI E VANDALISMI» - Nel capoluogo brianzolo, 120mila anime e una discreta ricchezza diffusa, sono 5.329 i ragazzi tra gli 11 e i 15 anni, cioè nella fascia indicata dall'Istat come quella più a rischio con uno su cinque che beve alcol. «A Monza abbiamo il fenomeno dei ragazzini che comprano alcolici nei bar o nei supermercati per poi andare a consumarli nei giardini pubblici o nelle piazze dove creano disagi e turbano la quiete pubblica abbandonandosi a schiamazzi, danneggiamenti e vandalismi», afferma Romeo. Arriva così un'altra misura della filosofia politica della tolleranza zero varata dal centrodestra e che ha già colpito nomadi e prostitute. «L'Unione del Commercio, con cui abbiamo lavorato molto, ha sposato quest'iniziativa e ci aiuterà a fare rispettare l'ordinanza». Ora c'è da scommettere che molti Comuni, soprattutto governati dal centrodestra, copieranno l'ordinanza monzese, sulla cui applicazione vigilerà la polizia municipale.

Fonte: corriere.it

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       




Consorzio Vini Abruzzo