Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 24 febbraio 2024  | aggiornato alle 12:01 | 103376 articoli pubblicati

Negli stabilimenti di Giraudi alla scoperta del cioccolato made in Piemonte

Giacomo Boidi, fondatore della Giraudi Cioccolato Artigianale racconta i prodotti e il laboratorio, dotato di un ampio spazio di lavoro a vista, di una sala per lezioni e di un'elegante caffetteria e boutique del cioccolato

di Piera Genta
 
12 febbraio 2024 | 13:58

Negli stabilimenti di Giraudi alla scoperta del cioccolato made in Piemonte

Giacomo Boidi, fondatore della Giraudi Cioccolato Artigianale racconta i prodotti e il laboratorio, dotato di un ampio spazio di lavoro a vista, di una sala per lezioni e di un'elegante caffetteria e boutique del cioccolato

di Piera Genta
12 febbraio 2024 | 13:58
 

Irresistibile il cioccolato, una vera passione per tutti, anche e soprattutto per chi lo produce. E la passione che ha spinto Giacomo Boidi a fondare la Giraudi Cioccolato Artigianale fuori dal centro di Castellazzo Bormida in provincia di Alessandria. Lo abbiamo incontrato in occasione della visita al suo laboratorio, dotato di un ampio spazio di lavoro a vista, di una sala per lezioni e di un'elegante caffetteria e boutique del cioccolato che permette di degustare i prodotti appena realizzati.

Giraudi Cioccolato Artigianale, da mulino a cioccolateria

E davanti ad una fumante tazza di Giacometta, che utilizza proprio la crema spalmabile da lui ideata, Giacomo Boidi racconta come da un mulino per la macinazione dei cereali sono arrivati ad una cioccolateria artigianale che distribuisce in Italia e nel mondo un ampio catalogo di prodotti classici. Siamo all'inizio del Novecento quando Giovan Battista Giraudi apre il proprio laboratorio di pasticceria con annessi mulino e forno per la panificazione. All'epoca tanti dolci basati sulle preparazioni classiche del territorio e poco cioccolato. Giacomo, giovane perito elettronico, inizia proprio come pasticcere, rilevando a poco a poco l'attività con l'aiuto di un cugino, Paolino Boidi, investendo tutto il suo entusiamo, le sue risorse e la sua creatività nel cioccolato.

La svolta a partire dalla metà degli anni Novanta quando in Italia inizia il fermento del cioccolato, facendo cultura del prodotto. Siamo nel 1993, in quegli anni favorito dal confronto con diversi personaggi legati almondo dell'enogastonomia, si è trasferito a Castellazzo Bormida, aprendo prima una pasticceria nel centro della cittadina poi, negli anni 2000, un vero e proprio stabilimento dedicato al cacao e alle sue innumerevoli declinazioni. Ed è quello che vediamo oggi: un laboratorio gestito con il figlio Davide e una squadra di una ventina di collaboratori tutti giovani che lavora in modo costante tutto l'anno, con interessanti macchinari, alcuni antichi, ma trasformati per rispondere alle esigenze del laboratorio ed alla loro tipologia di prodotto.

Giraudi Cioccolato Artigianale, la ricetta segreta della massa di cacao

Le materie prime utilizzate sono il risultato di una ricerca, che ha portato alla scelta delle migliori origini per ogni ingrediente, prima di tutto per la ricetta segreta della massa di cacao, risultato della lavorazione delle migliori cabosse centro-americane e africane, selezionate per l'attenzione data agli aspetti qualitativi ed etici. La decisione di lavorare a partire dalla massa, e non dalla fava di cacao, è invece dettata dalla volontà di concentrare tutte le risorse creative allo studio del prodotto finito, per quanto riguarda abbinamenti, forme, decorazioni e personalizzazioni. Stesso attenzione anche per la frutta secca, dalla Nocciola tonda gentile trilobata del Piemonte, all'arachide italiana coltivata nel Ferrarese alla mandorla pugliese (in particolare quella di Bonitto, Bari) al pistacchio di Sicilia. La produzione di Giraudi spazia a 360° sul mondo del cioccolato: dalla classicità all'innovazione, caratteristica che ha permesso a Giacomo Boidi di creare diversi prodotti iconici.

Giraudi Cioccolato Artigianale e la Giacometta

Su tutti, la Giacometta, una crema spalmabile al cioccolato e nocciole declinata anche nelle versioni con pistacchi selezionati siciliani e cioccolato fondente, senza l'utilizzo di grassi vegetali oltre al burro di cacao. Altre due creazioni identitarie sono i Pentagoni, cioccolati a cinque facce con venti ripieni differenti; i Petali ovvero sfoglie di cioccolato in diverse versioni. Per fare cultura del cioccolato interessante la proposta didattica di Giacomo per fare conoscere questo mondo soprattutto ai giovani con una scatola didattica. Insomma, Cioccolato all'infinito come il loro payoff.

Giraudi Cioccolato Artigianale per San Valentino

Per il 14 febbraio, San Valentino, Giraudi propone quattro creazioni: Love, Messaggi dal cuore, Rose e Cuori. Da notare che i coloranti utilizzati in queste ricette sono tutti estratti naturali, senza aggiunta di olio di palma o grassi idrogenati. Se il rosso, ad esempio, è ricavato da mela, ravanello e ribes nero, il giallo da cartamo e limone, l'arancione da paprika e carota, il verde da cartamo e spirulina, il celeste da mela e spirulina e il rosa da patata dolce, ravanello, ciliegia e mela.

Negli stabilimenti di Giraudi alla scoperta del cioccolato made in Piemonte

I cioccolatini di San Valentino di Giraudi Cioccolato Artigianale

Se incuriositi dalla storia di Giacomo Boidi e della sua passione, vi rimando al libro “Incontri – viaggio di un uomo al cioccolato” di Laura Raiteri per Editrice Impressioni Grafiche.

Giraudi Cioccolato Artigianale
Via Baudolino Giraudi 498 - 15073 Castellazzo Bormida (Al)
Tel 0131 278472

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Delyce
Siggi
Bonduelle

Delyce
Siggi

Bonduelle
Tirreno CT
Roner