Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 12 dicembre 2019 | aggiornato alle 10:25| 62523 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     TURISMO     TERRITORIO

Cavallino, vietati i castelli di sabbia
Sulle spiagge ostacolano i soccorsi

Cavallino, vietati i castelli di sabbia 
Sulle spiagge ostacolano i soccorsi
Cavallino, vietati i castelli di sabbia Sulle spiagge ostacolano i soccorsi
Pubblicato il 30 agosto 2019 | 09:45

Toglieteci tutto, ma non paletta e secchiello sotto l’ombrellone. Per gli italiani è una tradizione, ma dal Comune veneto arriva lo stop del sindaco perché rappresentano un problema.

Tutto è partito dalla protesta di un nonno che si è visto dire di “no” al castello di sabbia che stava progettando coi nipoti sulla spiaggia Cavallino. L’ordinanza infatti prevede che ombrelloni e lettini non possano stare a meno di 5 metri dalla battigia, ma non solo: divieto anche a “qualsiasi attività o comportamento che limiti o impedisca il transito delle persone e dei mezzi di soccorso sia lungo il lido sia dalla spiaggia verso il mare e viceversa”.

Cavallino dice no ai castelli di sabbia (Cavallino, vietati i castelli di sabbia Sulle spiagge ostacolano i soccorsi)
Cavallino dice no ai castelli di sabbia

Il nonno in questione è Franco Beccari che ha deciso di inviare una lettera a una testata online per manifestare tutto il suo disappunto, insieme alla minaccia di ritorsioni immediate. «Meglio cambiare località balneare - dice stando a quello che riporta La Repubblica - se non posso lasciare i miei nipoti giocare a fare i castelli di sabbia sulla battigia. Siamo stati tutti bambini e il gioco che non vedevamo l'ora di fare era quello di costruire qualche cosa con la sabbia, canali, castelli, tutto quello che ci divertiva. E se non lo fai sul bagnasciuga dove lo puoi fare?”. Va detto che questo non è il solo Comune ad applicare un’ordinanza simile.

Pronta la replica del sindaco, Roberta Nesto: «L’ordinanza sulla balneazione emessa dall'amministrazione comunale - riporta La Repubblica - recepisce norme nazionali e regionali, ma deve essere applicata con buonsenso». Oltre che il sindaco, il nonno arrabbiato chiama in causa anche la Capitaneria di porto, intervenuta per garantire che l'ordinanza venga rispettata. «I colleghi hanno fatto dei controlli tra l'altro senza fare contravvenzioni - precisa però il capitano di fregata Alberto Pietrocola, portavoce della Capitaneria di Porto di Venezia - per fermare una situazione che ormai era degenerata: ombrelloni e lettini messi praticamente in acqua. Nessun divieto specifico riguarda peraltro i castelli di sabbia».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism cavallino jesolo ordinanza castelli di sabbia castelli sabbia vietati soccorsi ostacolano roberta nesto franco Beccari porto di venezia venezia veneto

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).