Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 07 dicembre 2019 | aggiornato alle 18:16| 62458 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
di Sergio Cotti
Sergio Cotti
Sergio Cotti
di Sergio Cotti

Italiani pazzi per le sagre
Ma la Fipe: «3 su 4 sono irregolari»

Italiani pazzi per le sagre 
Ma la Fipe: «3 su 4 sono irregolari»
Italiani pazzi per le sagre Ma la Fipe: «3 su 4 sono irregolari»
Primo Piano del 29 agosto 2019 | 08:45

Su 42mila manifestazioni organizzate ogni anno, 32mila - secondo la Federazione italiana dei pubblici esercizi - sarebbero quelle prive di autenticità e legame col territorio. Cursano: «No alle manifestazioni per fini elettorali, servono norme e responsabilità, a partire dai sindaci».

Il tema si ripropone puntuale tutte le estati, ma quest’anno i numeri sono così elevati da preoccupare un intero settore, quello della ristorazione, che soprattutto nelle località non turistiche, proprio in estate rischia di soffocare. Il caldo non c’entra, a rendere l’aria particolarmente pesante per migliaia di ristoratori sono le tantissime sagre organizzate in tutta Italia perlopiù proprio nei mesi estivi, da fine giugno a settembre.

Le sagre arrivano a somministrare migliaia di pasti al giorno (Italiani pazzi per le sagre Ma la Fipe: «3 su 4 sono irregolari»)
Le sagre arrivano a somministrare migliaia di pasti al giorno

Gli italiani ne vanno pazzi, ma secondo la Fipe, l’Associazione italiana dei pubblici esercizi, costiruirebbero una concorrenza sleale per tanti operatori del settore. E così torna a lanciare l’allarme: «Senza una norma che regoli questo settore, molti ristoratori potrebbero essere costretti a chiudere bottega».

Fossero solo quelle regolari, autentiche e legate al territorio: il problema è che ormai di sagre ce ne sono di ogni tipo, ovunque, da quelle del pesce in montagna a quelle, sempre numerose, di partito. Numeri alla mano, sono circa 42mila (l’80% delle quali concentrate proprio nei mesi estivi e 15mila solo ad agosto) e generano un giro d’affari pari a 900 milioni di euro. Di queste, addirittura 32mila, secondo Fipe, sarebbero “abusive”, ovvero senza alcuna connotazione di tipicità e, non da ultimo, prive degli stringenti requisiti (richiesti invece ai ristoratori tradizionali) riguardo igiene, sicurezza alimentare e fiscalità.

«Le sagre stanno diventando una ristorazione parallela - dice Aldo Cursano, vicepresidente vicario Fipe - e in un momento di crisi di consumi e di grande cambiamento, questo mette in seria difficoltà il mondo dei pubblici esercizi, che offrono tutto l’anno un servizio soggetto a fiscalità, controlli e adempimenti che lo rendono estremamente costoso e vulnerabile, rispetto invece a un mercato in deroga da regole, leggi e normative».

Aldo Cursano (Italiani pazzi per le sagre Ma la Fipe: «3 su 4 sono irregolari»)
Aldo Cursano

Il risultato è che molti ristoratori rischiano di chiudere e altri di improvvisarsi organizzatori di sagre e circoli, pur di continuare a lavorare; una situazione «mortificante» per Cursano, che ammette l’inefficacia degli sforzi profusi finora per provare a chiedere una regolamentazione di questi eventi: «Anche se dei tentativi ci sono stati in alcune regioni, non si è riusciti - ammette - a temporalizzarli, né a legarli al territorio, facendo emergere la componente culturale. Parliamo spesso di manifestazioni con 5-600 posti a sedere e migliaia di pasti somministrati a prezzi sempre più considerevoli, dove il core business è l’incasso e il guadagno».

Per Fipe ci vorrebbe una «norma nazionale che responsabilizzi in un modo estremamente diretto anche i sindaci. Non si possono usare le sagre per consenso elettorale - attacca Cursano - o per accontentare questa o quella società sportiva o culturale. Le istituzioni devono scegliere da che parte stare; è arrivato il momento in cui ognuno si deve assumere le proprie responsabilità».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


aldo cursano fipe sagre ristoratori ristoranti somministrazione federazione italiana pubblici esercizi norme sindaci italiani pazzi irregolari

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).