Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 13 aprile 2024  | aggiornato alle 06:00 | 104556 articoli pubblicati

Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi

Sant'Andrea, antico villaggio di pescatori sull'Isola d'Elba, offre spiagge come Capo Sant'Andrea ed escursioni sul Monte Capanne che regalano panorami mozzafiato. Borghi medievali come Marciana e Poggio narrano storie antiche. La cucina locale celebra i sapori del mare e della terra. Il Boutique Hotel Ilio e l'Hotel Sant'Andrea offrono comfort mentre la trattoria “La Nassa” delizia con la tradizione

di Piera Genta
31 marzo 2024 | 05:00
Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi
Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi

Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi

Sant'Andrea, antico villaggio di pescatori sull'Isola d'Elba, offre spiagge come Capo Sant'Andrea ed escursioni sul Monte Capanne che regalano panorami mozzafiato. Borghi medievali come Marciana e Poggio narrano storie antiche. La cucina locale celebra i sapori del mare e della terra. Il Boutique Hotel Ilio e l'Hotel Sant'Andrea offrono comfort mentre la trattoria “La Nassa” delizia con la tradizione

di Piera Genta
31 marzo 2024 | 05:00
 

Il Capo Sant'Andrea è situato sul versante nord-occidentale dell'Isola d'Elba. Si tratta di un antico villaggio di pescatori nel territorio di Marciana, un piccolo mondo con tante meraviglie da scoprire, abitato prima dagli Etruschi e poi dai Romani. Una piacevole località marinara dove il mare si può godere nel modo più tradizionale sulle due spiagge di Capo Sant'Andrea, una distesa di sabbia dal fondale poco profondo ideale per i bambini e del Cotoncello, una baia intima ed appartata che si raggiunge percorrendo un piacevole sentiero tra le cote piane. Proprio una caratteristica del luogo queste scogliere di granito punteggiato da bianchi cristalli di ortoclasio e tra aprile e maggio la fioritura fucsia dei fichi degli Ottentotti regala  uno spettacolo da non perdere.

Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi

Il mare cristallino del Capo di Sant'Andrea

Per gli appassionati della subacquea, questi fondali sono molto interessanti da scoprire: a Sant'Andrea i biologi marini hanno osservato che la Posidonia, la pianta marina dalle lunghe e sottili foglie verdi, si riproduce sessualmente: evento raro nell'Alto Tirreno e che testimonia la pulizia di queste acque.

I suoi frutti, simili a delle piccole olive (si chiamano “olive di mare”) sono visibili in primavera. Il Posidonieto, ovvero la prateria di questo vegetale, è un habitat ideale per molte specie di pesci: nugoli di piccole castagnole dal colore blu elettrico si muovono nel verde brillante della Posidonia, e poi ancora, tordi, pesci ago, saraghi, salpe mentre sul fondale spiccano le stelle di mare e le pinne nobili. Per i più esperti, molto interessanti le immersioni in prossimità degli scogli semiaffioranti detti “Formiche della Zanca”, a ovest di Sant'Andrea. Scendendo lungo il lato esterno, dai 40 metri in poi, si presentano ventagli di gorgonie dai colori intensi. E' facile incontrare aragoste, murene, grosse rane pescatrici e dentici. E in estate, con un po' di fortuna, ecco anche il pesce luna.

Non solo mare a Capo di Sant'Andrea 

Non solo mare, gli appassionati di montagna all'interno del Parco Nazionale dell'Arcipelago toscano si trovano antichi sentieri ripristinati e segnalati dal Cai e dalla Comunità Montana particolarmente attraenti per gli escursionisti in tutte le stagioni dell'anno, con punte di maggior frequentazione nel periodo primaverile caratterizzato dall'alternarsi delle differenti fioriture.

Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi

Vista mozzafiato al Capo di Sant' Andrea

Questi percorsi offrono viste panoramiche mozzafiato e sono ideali sia per gli amanti del trekking che per gli appassionati di mountain bike. Avventurandosi gradualmente verso la cima del Monte Capanne, la vetta più alta dell'intero arcipelago toscano, si verrà catturati dalla bellezza dei panorami. La varietà dei percorsi spazia da tracciati impegnativi a rilassanti sentieri, come quelli della Valle di Pedalta, adatti a tutta la famiglia.

Luoghi da non perdere a Capo di Sant'Andrea

Borgo di Marciana

Borgo collinare di impronta medioevale sulle pendici del Monte Capanne, immerso in una rigogliosa vegetazione di lecci, pini e castagni. Si tratta di uno degli insediamenti più antichi dell'isola d'Elba. Da segnalare l'imponente Fortezza Pisana, racchiusa da quattro torrioni, costruita dai pisani nel XII secolo e consolidata dagli Appiani alla metà del Quattrocento. Un tempo usata dalla popolazione come rifugio durante le incursioni piratesche, oggi è l'elemento identitario che caratterizza la parte alta del paese e dal suo camminamento si ammira uno splendido panorama che va dalla vetta del Monte Capanne (1019 mt) alle azzurre acque della costa dell'isola.

Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi

La vetta del Monte Capanne all‘Isola d‘Elba (foto: www.gulliver.it)

Da ricordare le due chiese, la Pieve romanica di San Lorenzo, distrutta dai Turchi nel 1554 e oggi riconosciuta come monumento nazionale; e quella di San Cerbone, eretta in onore del Santo che nel VI secolo si ritirò qui da Populonia, per sfuggire alle persecuzioni dei Longobardi. Per chi volesse approfondire la conoscenza dell'antichissimo passato di Marciana, il Museo Civico Archeologico ospitato nel seicentesco Palazzo del Pretorio.

Nei pressi della Fortezza Pisana, la Casa del Parco,  un centro dove sapranno consigliarvi al meglio per le passeggiate naturalistiche e dove vengono periodicamente organizzate escursioni guidate con una guida ufficiale del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano.

Borgo di Poggio - frazione di Marciana

Circondata da boschi di lecci e castagni, si trova la sorgente di acqua oligominerale Fonte di Napoleone, così chiamata perché anche l'Imperatore ne apprezzava gli effetti benefici, indicata per la cura dell'uricemia e delle calcolosi. Esiste uno stabilimento per l'imbottigliamento, ma è anche possibile rifornirsi liberamente da una fontanella.

Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi

Il Borgo di Poggio, frazione di Marciana

Tratto distintivo del territorio di Marciana è Monte Capanne, la vetta più alta dell'isola. La scalata agli oltre 1000 metri del monte si può tentare da Marciana sia a piedi, su sentieri segnati dal Cai, che per mezzo di una comoda cabinovia, attiva nella stagione estiva. Per gli amanti della mineralogia può essere utile sapere che dalle vene del Monte Capanne si estraggono magnifici cristalli di tormalina e berillo. Sul versante settentrionale dell'altura si trova il Santuario della Madonna del Monte, luogo di culto già dal Trecento, l'attuale struttura venne costruita nel 1595 e dopo vari rifacimenti assunse la forma attuale nel 1799.

L'offerta enogastronomica a Capo di Sant'Andrea 

La semplice cucina locale a base di pesce appena pescato è rafforzata dalla tradizione toscana della cucina di terra e profumati vini locali. Alcuni dei piatti tipici sono una derivazione dei pasti che un tempo gli abitanti dei villaggi della costa si portavano dietro quando la mattina partivano alla volta delle campagne o nelle miniere.Tra questi vi è la Sburrita, una zuppa a base di pesce povero e aromatizzata con erbe o verdure, che originariamente veniva preparata con le materie prime reperibili sul posto, in un'epoca in cui i collegamenti tra le diverse zone dell'isola non era semplici come adesso, per questo, ad esempio, la ricetta originale vede l'utilizzo delle bogacciole a Marciana e del baccalà a Rio Marina.

Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi

La Sburrita, zuppa di pesce tradizionale elbana (foto: visitelba.info)

Un dolce tipico è la schiaccia briaca facile da reperire. La storia racconta che la fu creata dalle donne per dare un po' di forza ai loro uomini in mare. Come da antica tradizione campanilista, il dolce ha le sue varianti, le principali sono quelle proposte dai paesi di Rio e Capoliveri. Nel primo caso la schiaccia risulta più “briaca” data la presenza dell'Aleatico doc e alchermes, che la rendono più rossa. Nel secondo caso, dalla tradizione capoliverese, la schiaccia è bagnata col moscato, quindi risulta più chiara.

La proposta dei vini dell'Isola d'Elba

Quello tra l'Isola d'Elba e il vino è un'unione che dura da secoli. Nel passato la viticoltura è stata la principale attività economica dell'isola. Il vino che più rappresenta l'Elba è senza dubbio il passito naturale Aleatico, l'unica Docg “dolce” della Toscana. Ma tutta la produzione viticola dell'Elba si fonda su vitigni tradizionali di antica coltivazione: i Vini bianchi da Ansonica, Procanico (Trebbiano Toscano) e Vermentino, i rossi da Sangiovese e i passiti da Aleatico, Ansonica e Moscato. La sperimentazione ha poi portato sull'Isola altri vitigni non autoctoni come il syrah e grenache per i rossi e il viognier e lo chardonnay per i bianchi.

Capo di San'Andrea: dove dormire e mangiare

Boutique Hotel Ilio

Primo boutique hotel dell'Isola d'Elba. Solo 20 camere, una differente dall'altra che seguono quattro stili per suscitare differenti emozioni dell'abitare e la tipologia dell'albergo diffuso.

Un hotel sartoriale in grado di offrire qualcosa di sorprendente anche grazie alla volontà del personal manager Maurizio Testa che vuole un'autenticità locale che interagisca e reagisca coi desideri, le preferenze e l'indole di ogni singolo ospite, dando vita a una formula originale, dove niente è standard.

Boutique Hotel Ilio | Via Sant Andrea 5 | 57030 Marciana (Li) | Tel 0565 908018

Hotel Cernia Isola Botanica

L'Hotel Cernia Isola Botanica è composto da tre srutture affacciate sul rigoglioso parco, in cui piante autoctone convivono armonicamente con varieta esotiche, attraversato da due ruscelli. Le camere sono curate e concepite come uno spazio vitale con al centro al persona.

Il ristorante del Cernia dalle ampie vetrate vista mare propone una cucina di tradizione toscana con varie influenze di quella mediterranea ed elbana. Grande attenzione per le essenze spontanee e i prodotti reperibili a km 0, tra cui frutta e verdura bio provenineti dall'orto dell'albergo.

Hotel Cernia Isola Botanica | Via San Gaetano 23 | 57030 Sant'Andrea (Li) | Tel 0565 908210

Hotel Sant'Andrea

L'Hotel Sant'Andrea è gestito con amore da una famiglia da generazioni. La terrazza-giardino offre una vista mozzafiato sulla baia di Capo Sant'Andrea, un'oasi di pace e relax. 

L'accogliente angolo bar offre  cocktail e aperitivi freschi, perfetti per socializzare e condividere storie. All'interno il ristorante Da Sauro.

Hotel Sant'Andrea | Via Sant'Assunta 103 | 57030 Sant'Andrea (Li) | Tel 0565 908355

Trattoria di mare La Nassa

Trattoria di mare La Nassa celebra i piatti tipici del territorio con un tocco di tradizione. La nostra carta offre il pescato del giorno preparato con cura e rispetto delle ricette locali. 

Alla scoperta del Capo di Sant'Andrea, l'antico villaggio dei pescatori marcianesi

Trattoria di mare La Nassa a Sant'Andrea

Potrete gustare i nostri piatti sulla deliziosa terrazza con vista sulla baia, accompagnati dal dolce canto delle onde. Un momento di convivialità spensierata vi attende, immersi in un'atmosfera allegra e rilassante.

Trattoria di mare La Nassa |  Via S. Gaetano 84 | 57030 Sant'Andrea (Li) | Tel 327 105 9028

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Julius Meiln
Fonte Margherita
Molino Grassi
Nomacorc Vinventions

Julius Meiln
Fonte Margherita
Molino Grassi

Nomacorc Vinventions
Vini Alto Adige
Molino Dallagiovanna