Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 17 aprile 2024 | aggiornato alle 11:34| 104643 articoli in archivio

A Vienna

Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie

Si è svolta all’Hofburg, il Palazzo imperiale degli Asburgo, la 65ª edizione del tradizionale Kaffeesiederball. Primo sostenitore del grandioso evento (oltre 5mila invitati), la storica torrefazione attiva dal 1862

Gabriele Ancona
di Gabriele Ancona
vicedirettore
12 febbraio 2024 | 09:30

«L’aspetto gratificante di avere oltre 160 anni è che le radici sono ben piantate da più di un secolo e mezzo. Oggi è possibile dar vita a un’azienda moderna e che guarda al futuro, ma sono molto poche quelle che tracciano percorsi innovativi con una profonda tradizione alle spalle. Nessuno le può copiare. In questo modo si può essere un punto di riferimento per le nuove generazioni, ma con l’orgoglio di una storia importante alle spalle».

Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie

Il ballo delle debuttanti nell'ambito di Kaffeesiederball

Parla a ragion veduta Christina Meinl, che rappresenta la quinta generazione alla guida della torrefazione fondata a Vienna nel 1862. Un’azienda di famiglia che si è fatta ambasciatrice globale per la cultura del caffè viennese proprio come facevano in passato i caffè letterari.

Julius Meinl, il patrimonio delle caffetterie viennesi

Non a caso è il primo sostenitore del Kaffeesiederball, il tradizionale ballo delle caffetterie, giunto alla 65ª edizione, che si è svolto a Vienna il 2 febbraio all’Hofburg, il Palazzo imperiale degli Asburgo. La tradizione dei balli a Vienna è profondamente radicata nella storia della città e offre la possibilità, a chi vi partecipa, di rivivere la magia di un'epoca passata, mantenendo vivo lo spirito di una celebrazione sempre apprezzata in modo trasversale da diverse generazioni.

Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie

In primo piano Christina Meinl con alcuni dei suoi ospiti - Foto Katharina Schiffl

Il tema del Kaffeesiederball 2024 è stato “Coffee exquisite - stories from the coffee house”, una serata dedicata all'eccellenza unita al patrimonio letterario delle caffetterie viennesi, patrimonio Unesco che ha fatto da culla alla cultura ottocentesca trasmessa tuttora da Julius Meinl. Presenti più di cinquemila invitati, che hanno invaso con garbo e brio le numerose sale del Palazzo. In quella principale uno spettacolo nello spettacolo, con decine di “debuttanti” guidate dai loro cavalieri in romantici giri di valzer.

Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie
Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie
Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie

Tra i protagonisti di rango della serata, il piacere sensoriale del caffè: l'aroma, il sapore e la presentazione della tazzina su un vassoio, secondo tradizione servito con un bicchiere d'acqua. Quest'anno un ospite speciale ha accompagnato Julius Meinl nella lounge dedicata e nel salone dell’Hofburg: Antonio Bachour, “Best pastry chef in the world”, premio del Best Chefs Foundation, e “Global brand ambassador” della torrefazione. Una partnership virtuosa nata nel 2023.

Julius Meinl, oltre 50mila clienti nel mondo

Presente in più di 70 Paesi, market leader in Austria e nei Paesi dell'Europa centrale, Julius Meinl è settimo player nel mercato Horeca italiano. A Vicenza ha sede l’importante centro di produzione, che genera l’87% dei volumi e che affianca quello storico di Vienna. Nel mondo vengono serviti oltre 50mila clienti.

Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie

Una tazzina di Julius Meinl a un tavolo dello storico Café Landtmann

«Al momento - sottolinea Christina Meinl - i nostri centri nevralgici sono gli Stati Uniti e la Cina. Ma il mondo è un grande mercato. Per esempio, in Corea e in Giappone il caffè è molto apprezzato. Ci sono molti Paesi che riteniamo interessanti».

Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie
Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie
Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie
Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie

«Per noi l’Italia è come un mercato interno allargato - puntualizza Marcel Löffler, amministratore delegato del gruppo - Italia e Austria sono molto vicine e unite anche come mentalità e cultura. Siamo davvero orgogliosi che il nostro marchio sia apprezzato dal mercato e dai consumatori italiani. Passo passo ci siamo fatti conoscere a Milano, Firenze e Roma. C’è spazio per la nostra interpretazione del caffè. Nell’universo Horeca, dove deteniamo una quota del 2,3%, abbiamo ampi margini di crescita. Ma vogliamo svilupparci in modo organico, cliente dopo cliente. In quest’ottica non escludiamo acquisizioni».

Julius Meinl, intense le relazioni con i coltivatori

Una strategia di crescita che vede nella sostenibilità un valore, un punto di forza e una leva irrinunciabile. Su questa linea è nato Generations Program con l'obiettivo di consolidare a lungo termine le principali relazioni con i coltivatori di caffè e le comunità locali nei Paesi d'origine, fornendo loro le risorse necessarie per avviare delle attività sostenibili e trasmettere le conoscenze sul caffè di generazione in generazione.

Un tuffo nella storia: con Julius Meinl al gran ballo delle caffetterie

Diversi e delicati i passaggi a monte di una tazzina

Attraverso l’iniziativa Responsibly Selected Coffee si garantisce inoltre che il caffè venga acquistato consapevolmente da fornitori che rispettano precisi standard di responsabilità e di sostenibilità sociale, economica e ambientale. Stabilire la tracciabilità del caffè fino alla tazzina è un processo virtuoso reso possibile grazie alla collaborazione con i partner lungo tutta la catena di approvvigionamento.

Julius Meinl, il valore dell'Academy

La sede di Julius Meinl, a Vienna, si trova in una struttura specializzata nella torrefazione viennese dal 1911. Nel 2005 è stato aggiunto il moderno impianto di torrefazione a Vicenza, dove vengono realizzate le tostature italiane più scure dedicate all'espresso. A Vienna, lungo i binari della ferrovia, lo stabilimento. Dall’altro lato della strada gli uffici, il museo e lo spazio dedicato all’Academy, importante centro di formazione professionale. Julius Meinl è in grado di organizzare corsi di aggiornamento e approfondimento su misura anche presso caffetterie, hotel o ristoranti. Qui, nell’ambito della nostra visita, Angelika Galas, a capo dell'Accademia Julius Meinl, ha tenuto un seminario in cui ha spiegato tutti i segreti per ottenere un espresso a regola d’arte. Un momento didattico di grande interesse e molto apprezzato dai presenti che hanno appreso in diretta quanto siano delicati tutti i passaggi a monte di una tazzina. 

Julius Meinl Italia
via Verona 70 - 36077 Altavilla Vicentina (Vi)
Tel 0444 334411

© Riproduzione riservata