Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 14 dicembre 2019 | aggiornato alle 17:40| 62568 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

Tassa su Whatsapp e carovita
Libano bloccato dalle proteste

Tassa su Whatsapp e carovita 
Libano bloccato dalle proteste
Tassa su Whatsapp e carovita Libano bloccato dalle proteste
Primo Piano del 18 ottobre 2019 | 14:54

Da due giorni la capitale Beirut è bloccata dai manifestanti scesi per le strade a protestare contro le nuove tasse introdotte dal governo che riguardano anche la nota app di messaggistica, il tabacco e la benzina. Le manifestazioni hanno raggiunto anche la zona dell'aeroporto bloccandone di fatto l'accesso con incendi.

I cittadini di Beirut, in Libano, stanno inscenando ormai da circa 48 ore una protesta massiccia contro il Governo dopo aver appreso che saranno innalzate le tasse su tabacco e benzina e introdotte di nuove, come quella che riguarda Whatsapp. Ad accendere la miccia della protesta sono state le opposizioni del Governo di Saad Hariri ritenuto incapace di guidare un Paese già afflitto da una grave crisi economica.

Le proteste in mattinata (Tassa su Whatsapp e carovita Libano bloccato dalle proteste)
Le proteste in mattinata

Samir Geagea, leader cristiano maronita delle Forze libanesi, ha chiesto le dimissioni dell'esecutivo. La proposta di nuove tasse è arrivata durante la discussione sul bilancio statale del 2020. Nonostante la tassa sull’uso di WhatsApp e su altri social di messaggistica fosse stata già revocata dal governo ieri i disordini e i sit-in hanno continuato ad infiammare la capitale durante tutta la notte.

Governo sotto accusa per il carovita (Tassa su Whatsapp e carovita Libano bloccato dalle proteste)
Governo sotto accusa per il carovita

Anche oggi la protesta non è cessata. La situazione è in bilico e per alcuni istanti è sembrata volgere al peggio dopo la notizia della morte di due persone coinvolte in un incendio. A causa dello stato di agitazione diversi locali sono stati chiusi, mentre bar e ristoranti restano aperti per la maggior parte. Ad essere protagonisti delle manifestazioni di protesta soprattutto giovani che sventolano bandiere nazionali e intonano l’inno ufficiale. L'esercito non argina in alcun modo le manifestazioni, che si sono spostate nella zona dell'aeroporto bloccandone di fatto l'accesso anche con incendi.

Il cardinale Béchara Raï, patriarca maronita, durante l’incontro con la comunità libanese in Benin ha commentato le proteste di piazza affermando che il popolo, già tartassato da dazi e balzelli, non può permettersi altre tasse aggiuntive ed è compito del governo affrontare le cause della crisi economica e il deficit fiscale che attraversa il Paese dei cedri. «Alziamo la voce insieme ai manifestanti - ha dichiarato - per opporci all’introduzione di tasse aggiuntive». Secondo quanto riporta il sito di AsiaNews, il patriarca maronita ha affermato che è tempo di fermare il «saccheggio» e lo «spreco» di denaro pubblico, a cui si unisce il fenomeno del «contrabbando» attraverso strutture come porti, aeroporti, dogane. Ha attaccato una classe dirigente che vuole «imporre tasse ai poveri» che costituiscono «oltre un terzo del popolo libanese: il tasso di disoccupazione è vicino al 40% e la fame e la miseria minacciano molti cittadini».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism libano protesta whatsapp carovita manifestazione beirut tasse Samir Geagea

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).