Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 08 luglio 2020 | aggiornato alle 02:52| 66594 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Rational
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Bene il turismo,
ma con #laureaccoglienza sarà meglio

Bene il turismo, 
ma con #laureaccoglienza sarà meglio
Bene il turismo, ma con #laureaccoglienza sarà meglio
Pubblicato il 25 settembre 2017 | 17:47

Il turismo può essere davvero un elemento di rilancio dell’economia nazionale, ma la qualità dell’offerta passa anche da un’adeguata preparazione e formazione del personale di sala, di cucina e di ricevimento

Nel presentare la giornata mondiale del turismo, il Ministro Dario Franceschini ha buon gioco nel parlare di un «sistema in salute» e nell’indicare come il problema vero sia cercare di «governare l’enorme crescita dei viaggiatori che continueremo a registrare nei prossimi anni». Una fotografia corretta, che forse per essere confermata nel futuro non può però basarsi solo sul pur importante, e apprezzabile, Piano strategico per il turismo che dovrebbe (ma quando?) armonizzare le iniziative di Stato, Regioni e Comuni.

(Bene il turismo, ma con)

Che la Reggia di Caserta o gli scavi di Pompei, con le città d’arte o i luoghi di villeggiatura, segnino punte di incremento dei visitatori quasi impensabili non può che fare piacere a tutti. Anche con le motivazioni dell’enogastronomia e dell’ambiente, ormai prevalenti, il turismo si conferma coi numeri come un comparto vitale e in crescita costante. Un vero motore aggiuntivo per la nostra economia.

Ma fino a quando questo potrà durare? Le nostre strutture di accoglienza sono davvero in grado di resistere ad una domanda sempre più qualificata e in crescita in termini di numeri e aspettative? Un turismo ancora più “di massa” (con tutti i problemi di accessibilità che da Venezia in giù vengono segnalati da operatori e amministratori pubblici) è davvero una soluzione sostenibile? E, vero interrogativo che sovrasta tutti, quando il pericolo terrorismo sarà superato (in caso contrario non si porrebbe nemmeno questa questione...) l’Italia continuerà ad essere una delle mete al vertice delle preferenze dei turisti?

A queste domande, a cui politici e imprenditori del settore non possono certo sottrarsi, bisogna rispondere partendo in primo luogo da una considerazione: siamo graziati da una situazione internazionale sfavorevole per altri, altrimenti saremmo qui, come in passato, a lamentarci che perdevamo colpi a favore di Spagna, Croazia, Grecia, Tunisia od Egitto. Se vogliamo essere realisti dobbiamo riconoscere che la frammentazione di posti letto o tavoli dove cenare è eccessiva, e la situazione può reggere solo finché c’è una domanda in qualche modo “drogata”. E al di là delle strutture, come non valutare con serenità che il livello dell’ospitalità (per il quale eravamo un tempo famosi in tutto il mondo) ha ceduto spesso il passo alla sciatteria e alla mancanza di professionalità? Che in un hotel a 4 stelle della civilissima Bolzano, in assenza di una camera pronta un giovane portiere indichi al cliente di riportarsi le valigie in auto, invece di prenderle in carico e metterle in una stanza-deposito (peraltro vuota), è un segnale che forse a livello di formazione e approccio c’è qualcosa che non va.

E la prima cosa da fare è proprio quella di una forte azione di ammodernamento e aggiornamento a livello scolastico. Non è possibile che gli studenti degli istituti alberghieri (l’unico motore vero del settore turistico) siano istruiti da docenti spesso solo diplomati, senza esperienze, delle stesse scuole. A fianco di cuochi, barman o manager che conoscono il loro lavoro, servono insegnanti che hanno seguito corsi di formazione universitaria. Solo così potremo sperare di avere domani personale di sala, di cucina o di ricevimento preparato e motivato. Questa è una delle ragioni vere per le quali abbiamo lanciato la proposta di istituire un corso di laurea per l’accoglienza. Dirigenti di hotel, di catene di ristoranti, di aziende alimentari o della pubblica amministrazione possono essere le altre opportunità di una #laureaccoglienza.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo economia Dario Franceschini cultura citta di arte villeggiatura vacanze turismo sostenibile accoglienza struttura ricettiva formazione personale di sala ristorazione scuola alberghiera laurea accoglienza universita accoglienza laureaccoglienza

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®