Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 05 dicembre 2019 | aggiornato alle 23:47| 62415 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     BEVANDE     SPIRITS
di Mariella Morosi
Mariella Morosi
Mariella Morosi
di Mariella Morosi

Sipsmith Gin, il London Dry
artigianale in tre varianti

Sipsmith Gin, il London Dry 
artigianale in tre varianti
Sipsmith Gin, il London Dry artigianale in tre varianti
Pubblicato il 04 luglio 2019 | 15:32

Il master distiller Jared Brown, socio fondatore di Sipsmith Gin, lo ha presentato al Tyler di Ponte Milvio, a Roma. Da 29 a 57 gradi, ce n'è per tutti i gusti.

Lo storico degli spirits, tra i massimi interpreti della cultura del London Dry Gin, ha affascinato un vasto pubblico di appassionati con la storia di questo distillato, realizzato a mano in piccole quantità e in tre varianti, ognuna delle quali di personalità unica. Anzitutto il pluripremiato Sipsmith London Dry, caratterizzato dal ginepro nelle sue note classiche, liscio e armonico e dal gusto persistente al palato (41,6% vol) che nasce da dieci botanicals lasciati in macerazione per una notte intera (ginepro, coriandolo, angelica, liquirizia, iris, mandorla, cassia, cannella, bucce di arance di Siviglia e limone). «All’olfatto - ha spiegato Brown - sviluppa note floreali potenziate dalla fragranza delle bacche di ginepro e dalla freschezza degli agrumi mentre al palato dona sentori di vaniglia e di spezie».

I fondatori dell'azienda (Sipsmith Gin, il London Dry artigianale in tre varianti)
I fondatori dell'azienda

La seconda variante è il fresco e vivace Sipsmith Sloe Gin (29% vol). Dopo la raccolta autunnale, le bacche di prugnolo selvatico riposano nel London Dry per 3 o 4 mesi, con accenni di ribes nero e un morbido aroma di ciliegia. Perfetto per i cocktail e intrigante, anche servito liscio o abbinato a formaggi. Infine la terza variante: il Sipsmith V.J.O.P. (very juniper over proof) caratterizzato da un ginepro particolarmente spiccato di cui cattura l’intero spettro aromatico e in cui è stata potenziata l'alcolicità (57,7% vol).

Una delle tre versioni di Sipsmith Gin (Sipsmith Gin, il London Dry artigianale in tre varianti)
Una delle tre versioni di Sipsmith Gin

Jared Brown, che è anche storico della mixology con all'attivo una trentina di libri scritti in collaborazione con la moglie Anistatia, ha condotto al Tyler una masterclass sul distillato, parlando della sua passione fin dall'età di 10 anni. «Ho congelato il sidro ripetutamente - ha detto - usando la distillazione a freddo per concentrare l'alcol». Ma soprattutto ha parlato del progetto ambizioso da cui è nato Sipsmith. Tutto cominciò nel 2009 a Londra quando insieme ai due suoi amici, Sam Galsworthy e Fairfax Hall, inglesi della Cornovaglia ma che come Brown lavoravano negli States nel mondo degli alcolici, decisero di riportare la produzione artigianale e l'arte del gin nella sua città di origine, a quasi due secoli dalla chiusura dell’ultima “Copper Distillery”.

Era ancora in vigore il divieto del Parlamento britannico di produrre in città piccole quantità del distillato. Riuscirono nell'impresa e nacque così la prima etichetta Sipsmith Dry Gin realizzato artigianalmente e in piccole quantità, bottiglia per bottiglia, seguendo rigorosamente ricetta e tecnica del tradizionale gin londinese. Anche il nome in etichetta fa pensare alla manualità: "sip" significa bere a piccoli sorsi e "smith" a fabbro, artigiano. Il loro progetto fu un apripista per altre piccole distillerie, che oggi a Londra sono una settantina. Tra gli altri riconoscimenti, Sipsmith Gin si attesta al nono posto nella classifica mondiale di Drinks international 2018 sia tra i Best Selling Brands sia tra i Top Trending Brand. Il lancio del brand Sipsmith in Italia è avvenuto durante l’ultima edizione di Gin Day 2018 di Milano. Numerosi i cocktail che all'evento romano sono stati degustati con il Sipsmith: dal Martini al Negroni fino al fino al Gin basil smash e al The lady in red. Questa eccellenza del London Dry Gin, in Italia è distribuito in esclusiva da OnestiGroup, di Fiorenzuola d'Arda (Pc), che dal 1986 seleziona i migliori spirits del mondo per soddisfare le esigenze di consumatori sempre più preparati ed esigenti.  

Il portfolio di prodotti offerti è ampio: champagne, vini, vodka, rum, whisky, tequila, sherry, gin e amari, che rappresentano la base fondante del nuovo progetto "The district of beverage", il cui obiettivo primario risiede nel selezionare i migliori spirits per soddisfare le esigenze dei consumatori sempre più cosmopoliti e raffinati,  in linea con i trend internazionali del mercato a cui guardano i barman e i sommelier. Sono oltre 4.000 i clienti del Gruppo, tra i principali player della distribuzione italiana del beverage, tra grossisti, enoteche, canale Horeca e grande distribuzione, con 2.500 referenze trattate e un fatturato complessivo di 90 milioni di euro.

Per informazioni: www.sipsmith.com
www.onestigroup.com

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


distillato spirits Sipsmith Gin il London Dry artigianale tre varianti Jared brown champagne vini vodka rum whisky tequila sherry gin amari Top Trending Brand tyler ponte milvio roma

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).