Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 14 dicembre 2019 | aggiornato alle 16:26| 62568 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

Dazi, Trump non cede a Mattarella
Da domani Made in Italy più caro

Dazi, Trump non cede a Mattarella 
Da domani Made in Italy più caro
Dazi, Trump non cede a Mattarella Da domani Made in Italy più caro
Primo Piano del 17 ottobre 2019 | 08:58

Fallito anche l’ultimo tentativo del Capo dello Stato, ieri alla Casa Bianca, tra meno di 24 ore scatteranno i rincari su tanti prodotti dell’agroalimentare italiano, dai formaggi ai liquori ad alcune tipologie di salumi. Per il presidente Usa l’Italia merita una “pressione minore” rispetto ad altri Paesi, ma nessun provvedimento è stato preso.

L’incontro tra il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e quello americano Donald Trump era in programma da tempo, nell’ambito delle celebrazioni della settimana del Made in Italy negli Stati Uniti. Ma neppure il tempismo con cui si è svolto, vale a dire a 48 ore dall’entrata in vigore dei dazi su tanti prodotti del Made in Italy, soprattutto del settore alimentare, ha riacceso le speranze affinché l’amministrazione americana rivedesse le sanzioni che da domani scatteranno su molte eccellenze italiane (qui la lista dei prodotti colpiti dai dazi).

La stretta di mano tra Sergio Mattarella e Donald Trump (Dazi, Trump non cede a Mattarella Da domani Made in Italy più caro)
La stretta di mano tra Sergio Mattarella e Donald Trump

Il tema dei dazi è stato sì la centro dell’incontro tra i due capi di Stato, ma il presidente americano ha ribadito il suo diritto ad applicarli come forma di risarcimento per la questione Boeing-Airbus, concedendo all’Italia il diritto a una “pressione minore”, rispetto ad altri Paesi dell’Unione Europea. «L'Italia ha un problema su come i 7,5 miliardi di dollari di dazi sono stati suddivisi – ha detto Trump – e crede di avere avuto un ruolo minore rispetto ad altri paesi come la Francia o la Germania. Noi non possiamo perdere questa guerra dei dazi per squilibrio commerciale, ma non vogliamo essere duri con l'Italia».

Trump ha detto anche che la sua amministrazione “valuterà le rimostranze” del nostro Paese; un’intenzione che però al momento rimane solo sulla carta. Nessun provvedimento è stato infatti annunciato e domani i dazi verranno applicati anche sul Made in Italy, con rincari in ingresso negli Stati Uniti pari al 25%. Su questo tema, Mattarella ha incalzato il presidente Usa: «Mi auguro – ha detto – che sia possibile trovare un confronto collaborativo che eviti ritorsioni. E bisogna cercarlo subito».

E se nei giorni scorsi c’è stata una corsa alle provviste di alcuni prodotti (su tutti Parmigiano Reggiano, Grana Padano e liquori), da domani si teme una flessione del 35-40%, che potrebbe proseguire per tutta la durata dei dazi, probabilmente qualche mese, il tempo necessario affinché gli Stati Uniti recuperino i 7,5 miliardi di dollari che l’Organizzazione mondiale del Commercio ha disposto a inizio ottobre.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


alimenti dazi dazi usa grana padano parmigiano reggiano unione europea made in italy agroalimentare formaggi liquori prosciutti carne prezzi rincari Sergio Mattarella donald trump

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).