Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 21 ottobre 2021 | aggiornato alle 11:33 | 78828 articoli in archivio

Tutti in cucina durante il lockdown Le regole della spesa online

Sono molti i gesti quotidiani di cui dobbiamo fare a meno in queste settimane di impegno comune, a livello nazionale. La pandemia ha cambiato le nostre abitudini, soprattutto per quanto riguarda il pianeta degli acquisti.

22 aprile 2020 | 18:27

Tutti in cucina durante il lockdown Le regole della spesa online

Sono molti i gesti quotidiani di cui dobbiamo fare a meno in queste settimane di impegno comune, a livello nazionale. La pandemia ha cambiato le nostre abitudini, soprattutto per quanto riguarda il pianeta degli acquisti.

22 aprile 2020 | 18:27

Rispettare il divieto di assembramento vuol dire, il più delle volte, orientare la scelta verso le compere sul web. È esattamente per questo che stiamo assistendo a un vero e proprio boom dell’e-commerce, soprattutto in relazione al mondo del food e ai servizi di spesa online con consegna a casa. Ma non solo: trascorrere il tempo in cucina è un passatempo perfetto e divertente, soprattutto per alleviare le lunghe giornate in casa. Siamo abituati a stare a guardare - tra tv e canali web - gli altri che si cimentano ai fornelli, ma adesso c’è l’occasione di sperimentare e vestire i panni dello chef per se stessi e il resto della famiglia. Così, per evitare lunghe code e attese estenuanti nei supermercati, si sceglie di passare al carrello digitale in modo da assicurarsi presto i migliori prodotti.

Tutti in cucina durante il lockdown Le regole della spesa online

Un piano B intelligente, che rispetta l’hashtag #iorestoacasa
Siamo stati costretti a rinunciare al gesto di uscire ogni giorno per fare acquisti, ma ecco servito un piano B intelligente. Comprare per poi ricevere la spesa a casa rappresenta un’abitudine che è destinata a rimanere anche dopo la fine dell’emergenza. Il bisogno attuale di virtualità e praticità è stato compreso anche dalle grandi aziende, che hanno posto l’accento sulla possibilità di acquistare i loro prodotti su internet per farli ricevere dai clienti direttamente alla porta di casa.

È il caso del Prosciutto San Daniele, che per far viaggiare i sapori tipici del Friuli Venezia Giulia in tempo di lockdown offre la possibilità di fare - presto e bene - acquisti online: pochi clic per mettere in tavola il San Daniele Dop, gustando così un’eccellenza di artigianalità e tradizione. Il sapore del Prosciutto di San Daniele ha nel suo dna un carattere di artigianalità unico. Materie prime di eccellenza e un’attenta lavorazione sono gli elementi chiave di questo prodotto. Ora potrete acquistare questo famoso alimento stando comodamente in casa. Ma vediamo come.

Si potrà facilmente consultare una lista di prosciuttifici, messa a disposizione dal Consorzio del Prosciutto di San Daniele, presso i quali completare l’acquisto. Si sceglie il prosciuttificio, poi si passa alla tipologia di prosciutto e infine al carrello virtuale per un check finale. Non resta che attendere la consegna a domicilio: evitare di uscire è il cuore del concetto che ha messo in moto il popolare hashtag #iorestoacasa.

Cucina e socialità: come passare il tempo nell’emergenza
Tra i vantaggi che la spesa a casa offre c’è senza dubbio quello di poter scegliere in tutta tranquillità la ricetta da chef alla quale dedicarsi: gli ingredienti mancanti possono essere acquistati su internet tranquillamente (e ricevuti in tempi molto stretti). La creazione dell’ordine e la modalità di pagamento avvengono interamente online, un modo corretto quindi per ridurre il contagio senza rinunciare al gesto dello shopping, alla qualità e alla genuinità. Come nel caso del Prosciutto di San Daniele: grazie all’e-commerce potrete portare a tavola un prodotto di gran gusto, perfetto per i vostri momenti di convivialità casalinga.

L’opportunità offerta da questa nuova formula che sfrutta l’e-commerce per fare la spesa, consente inoltre di rafforzare il legame di fiducia con i produttori: il web appare un luogo realmente democratico, accessibile a tutti e in grado di consentire il superamento della fase di difficoltà, ritagliando spazi di routine importanti. Naturalmente, si potrà anche cogliere l’opportunità di realizzare piatti gourmet e magari replicare ricette della tradizione, sfruttando quello che già c’è nella dispensa di casa.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali